Menu
NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

MANOVRA - Accesso al Fondo garanzia anche per grandi operazioni: il no di Rete Imprese Italia

MANOVRA - Accesso al Fondo garanzia anche per grandi operazioni: il no di Rete Imprese Italia MANOVRA - Accesso al Fondo garanzia anche per grandi operazioni: il no di Rete Imprese Italia

Aveva la finalità di sostenere le micro, piccole e medie imprese con difficoltà di accesso al credito.

AGIPRESS - ROMA - “Rete Imprese Italia esprime forte disappunto e grande preoccupazione rispetto alla proposta di estendere l’accesso al Fondo di garanzia per le Pmi anche a operazioni di grande importo e alto rischio, innalzando la soglia massima garantita per singola impresa da 2,5 a 3,5 milioni di euro. Tale iniziativa andrebbe a snaturare la funzione del Fondo pubblico di garanzia che nasce con la finalità di sostenere le micro, piccole e medie imprese con difficoltà di accesso al credito". E' quanto si legge in un comunicato di Rete Imprese Italia che aggiunge: "Tutto ciò, in una fase in cui la dinamica tendenziale dei prestiti alle imprese continua a essere caratterizzata da una significativa discriminazione dimensionale. La stessa Banca d’Italia, nel Rapporto sulla stabilità finanziaria, precisa che i dati relativi a un ampio campione di società di capitale indicano che per le aziende di media e grande dimensione i prestiti hanno ripreso a crescere in quasi tutti i settori di attività, mentre le imprese di minore dimensione incontrano crescenti difficoltà nell’accesso al credito, che continua a ridursi anche per quelle con bilanci equilibrati. Questo, nonostante in Italia le imprese con meno di 20 addetti rappresentino il 98,2% del tessuto produttivo, occupando nove milioni circa di addetti, pari al 57,2% del totale. Nessun altro Paese dell’Eurozona può contare su una platea di micro e piccole imprese così determinante per l’occupazione. La modifica che si vuole introdurre risulta non coerente rispetto a un utilizzo efficace ed efficiente delle risorse pubbliche e avrebbe l’effetto di concentrarne l’utilizzo, e il rischio finanziario collegato, su operazioni di grande importo per imprese di dimensioni tali, peraltro, da avere accesso diretto al mercato del credito”. 

Agipress

Ultima modifica ilDomenica, 02 Dicembre 2018 17:19
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici