Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

I PANIFICATORI TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE. GLI STRUMENTI UTILI ALLA CRESCITA DEI PANIFICI

I PANIFICATORI TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE. GLI STRUMENTI UTILI ALLA CRESCITA DEI PANIFICI I PANIFICATORI TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE. GLI STRUMENTI UTILI ALLA CRESCITA DEI PANIFICI

In 70 all' Accademia Arti e Mestieri Alimentari dell’Ascom di Padova

AGIPRESS - PADOVA - Dice un proverbio cinese, “Dimmelo e lo dimenticherò, mostramelo e forse lo ricorderò, coinvolgimi e capirò”. Tematica espressa nel corso di "Un mondo tutto nuovo - Dalla tradizione all'innovazione: strumenti di crescita per i nostri panifici" il corso di formazione specificamente tagliato su misura per i panificatori soci Ascom, organizzato dal Gruppo Panificatori in collaborazione con Clelia Consulting e tenuto da Maria Cristina Corradini presso l'AAMA, l’Accademia Arti e Mestieri Alimentari dell’Ascom di Padova, per offrire soluzioni migliorative ad uso delle aziende di panificazione in linea con l’evoluzione del settore, del mercato e della clientela e pensato per rispondere all’obbligo di legge per i responsabili dell’attività produttiva di partecipare a un percorso di aggiornamento professionale nel triennio 2014 -17. Ai saluti del presidente Ascom Patrizio Bertin e di Carlo Quartesan, presidente del Gruppo panificatori, ha fatto seguito la parte corsuale vera e propria alla presenza di una settantina di operatori del settore. Grande l’interesse per argomenti “caldi” rivolti ad una categoria che deve intercettare il cliente in un mondo che cambia, pressata da un lato dalla concorrenza della grande distribuzione e dall’altro dai nuovi stili della clientela. Parola d'ordine: conoscenza e successo del cliente e soprattutto grande attenzione alla creazione di reti. “Ed è proprio la necessità di una nuova strategia di vendita e di rapporti che deve animare l’imprenditore nel settore della panificazione, guardando non più o comunque non solo al prodotto, ma alle soluzioni, all’integrazione tra servizio, esperienza e conoscenza – ha commentato il presidente Bertin a margine dell’evento – convincendoci che servono nuovi saperi e nuove competenze che l’Ascom è pronta a studiare con le categorie imprenditoriali per garantire il successo del business”. “Possiamo contare sulle importanti risorse offerte del mondo formativo dell’Ascom – ha concluso Carlo Quartesan – che ci permette di monitorare ed intercettare le esigenze delle nostre categorie ed intervenire con la gestione di supporti formativi adeguati e vincenti”.“L'impresa oggi - ha affermato M.Cristina Corradini di Clelia - diventa sempre più un sistema in continua evoluzione dove le competenze delle persone devono essere strutturate in modo tale da potersi continuamente adattare alle esigenze di mercato. Ma per fare ciò servono alcune condizioni indispensabili tra cui: conoscenza dell’evoluzione dei bisogni del cliente al centro di tutte le organizzazioni, continua ricerca su prodotti servizi esperienze in grado di soddisfarli, conoscenza dei costi a valore aggiunto dell’impresa, valorizzazione e la gestione del personale, monitoraggio delle azioni strategiche e tattiche, adeguata comunicazione del prodotto e competenze nella vendita dello stesso. Un sistema apparentemente complesso - ha aggiunto Corradini - ma indispensabile perché permette all’azienda di innovarsi e beneficiare delle potenzialità di cui dispone”.

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 04 Marzo 2016 11:07
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici