Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

FIORI E PIANTE - Un settore importante per la Toscana, presentato catalogo

FIORI E PIANTE -  Un settore importante per la Toscana, presentato catalogo FIORI E PIANTE - Un settore importante per la Toscana, presentato catalogo

Salvadori: una realtà su cui è necessario scommettere, dobbiamo tornare a competere con gli olandesi

AGIPRESS - FIRENZE- "Quello che presentiamo oggi è un catalogo di un settore importante, sul quale dobbiamo scommettere per il futuro." Così l'assessore all'agricoltura e foreste della Regione Toscana, Gianni Salvadori, si è espresso in merito alla presentazione del nuovo catalogo del Mefit, il mercato dei fiori e piante della Toscana, avvenuta oggi nella sala stampa della Regione in palazzo Strozzi Sacrati. Presenti il sindaco di Pescia, Oreste Giurlani, i vertici del Mefit, il presidente della Camera di Commercio di Pistoia, Stefano Morandi. "Dobbiamo investire - ha aggiunto Salvadori - con risorse mirate (ad esempio i Pif, piani integrati di filiera) per questo settore che ha grandi potenzialità, non solo a Pescia, ma anche in altre zone, come il viareggino. E' uno dei settori che rappresenta il bello e il bene della Toscana."

OPPORTUNITA' PER INTERO SETTORE AGRICOLO - Salvadori ha poi aggiunto, più in generale, che in futuro "Non sarà solo nei momenti di crisi che l'agricoltura sarà un settore strategico per offrire opportunità di lavoro. Con il manifatturiero e il terziario in crisi, il cambiamento sarà strutturale, e l'agricoltura offrirà opportunità gigantesche. Ecco perchè – ha concluso – vanno sostenute tutte le iniziative che vanno in questa direzione." Quanto al Mefit, Salvadori ha sottolineato come il nuovo catalogo sia un punto di partenza, ed ha ribadito che "Dobbiamo tornare a competere con gli olandesi", aggiungendo che "ne abbiamo la capacità, la forza e il convincimento". Da parte sua il sindaco di Pescia, Oreste Giurlani, ha ribadito che "Il mercato dei fiori di Pescia, nonostante la crisi economica, è vivo e vegeto. Si tratta del luogo più importante dell'economia pesciatina, su cui in molti contano per una ripartenza dello sviluppo. E la floricoltura, o meglio ancora l'orto-florovivaismo, rappresenta un settore cruciale per tutta la Valdinievole, a patto che si riesca a mettere in moto, con l'aiuto della Regione Toscana, quello che potremmo chiamare, sulla falsa riga di un recente provvedimento del Governo, un piano ‘sboccia floricoltura'. Potremmo chiamarlo anche piano SbocciaPescia."

IL MERCATO DEI FIORI - 700 aziende e 70 milioni di fatturato. Il prossimo debutto del Mefit, azienda speciale del Comune di Pescia che gestisce il mercato (la struttura è della Regione) avverrà il 10 settembre a Padova per il Flormart, fiera leader europea del comparto florovivaistico. Nata nel 2013 Mefit conta 700 aziende iscritte che generano un giro d'affari stimato su 70 milioni di euro annui. Il catalogo, con tiratura iniziale di 2000 copie destinate a operatori di tutta Italia e stranieri, è stato realizzato nell'ambito di un progetto di marketing, cofinanziato dalla Camera di Commercio di Pistoia e dalla Banca di Pescia. Scritto in italiano e in inglese, il catalogo contiene le collezioni primavera-estate e autunno-inverno 2014, oltre un videoclip promozionale che fa leva sulla bellezza della Valdinievole e della struttura architettonica della sede richiamando anche Pinocchio, il simbolo del territorio. La struttura del mercato comprende una platea contrattazioni di 10.600 metri quadrati al piano terra, 87 magazzini pari a 9.850 mq al piano seminterrato, 58 box per 1.855 mq, 78 celle frigo per 10.132 mc lordi, serre per piante in vaso pari a 1.545 mq, un'area di carico/scarico coperta di 3.850 mq, più uffici e servizi per 2.300 mq. Ogni giorno, in media, passano dal mercato dei fiori di Pescia circa 800 operatori, oltre a circa 450 veicoli (con punte di 800).

SPECIE DI FIORI PIU' IMPORTANTI - Nell'area della Valdinievole e della Versilia, ossia il distretto floricolo interprovinciale Lucca Pistoia, attualmente le specie di fiori recisi più importanti sono: rosa, gipsophila, crisantemo, lilium, gerbera, statice, girasole, calla, cymbidium, fresia, aster, limonium, garofano, violaciocca e solidago. Secondo i dati di Mefit, la produzione locale di rose, che riguarda soprattutto la Versilia, si aggira intorno ai 3 milioni di steli all'anno. La produzione di lilium si attesta a 1 milione e 270 mila steli, quella di gerbere, intorno a 6 milioni e mezzo di steli, quella di statice, stimata in 3 milioni 250 mila steli all'anno, riguardano soprattutto la Valdinievole. I girasoli, circa 650 mila steli all'anno, sono prodotti soprattutto nella piana lucchese. La produzione di calle, va, a seconda della stagione, da 4 milioni e mezzo a 6 milioni di steli, infine, il ruscus, coltivato tra la Valdinievole e la piana lucchese su circa 135 ettari, vale in media 7 mila / 7 mila e cinquecento kg di fronda ad ettaro.

Ultima modifica ilMercoledì, 03 Settembre 2014 19:47

Video

Fiori e piante, presentato nuovo catalogo MEFIT - Agipress
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici