Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

ECONOMIA – Esportazioni, balzo in avanti della produzione toscana

Buoni risultati dalle esportazioni del made in Toscana nel terzo trimestre del 2012: la pelletteria resta uno dei settori trainanti Buoni risultati dalle esportazioni del made in Toscana nel terzo trimestre del 2012: la pelletteria resta uno dei settori trainanti

La crescita dell'11,3% nel terzo trimestre del 2012. Ottime performance del lusso. Bene i settori cartiario, farmaceutico e del marmo. I dati in uno studio di Intesa Sanpaolo per Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia

AGIPRESS – FIRENZE - Con un nuovo balzo in avanti dell’11,3% nel terzo trimestre del 2012, il "Made in Tuscany" si conferma uno dei principali motori della crescita delle esportazioni distrettuali;  con performance migliori rispetto al manifatturiero italiano (+0,3%), francese (-2,6%) e tedesco (-3,1%). Lo confermano i risultati di un'analisi realizzata dal Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo per Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia (il report in allegato).

I SETTORI TRAINANTI - Il traino è stato offerto, come già da molti trimestri, dalle produzioni del lusso toscano: oreficeria di Arezzo (+22,4%), pelletteria e calzature di Firenze (+13,3%) e di Arezzo (+53%). Diffusi miglioramenti sono stati riscontrati anche in altri distretti: ritorna a crescere l’export del cartario di Capannori (+2,5%) grazie ai risultati ottenuti in Germania (+6,4%), Spagna (+24,4%), Svizzera (+17,3%) e Austria (+53%). Persino la Grecia evidenzia, comunque, un netto miglioramento registrando una crescita del 33% dopo la rilevante battuta d’arresto sperimentata nel 2012. Accelerano le esportazioni della pelle e calzature di Santa Croce sull’Arno (+6,4%), distretto che sta gradualmente tornando a mostrare ritmi di sviluppo positivi anche nel comparto a monte della concia che aveva iniziato il 2013 con un calo dell’export. Sono tornate a crescere le vendite a Hong Kong (seppure su ritmi ancora molto modesti, 0,8%), e Spagna (+8,3%), ma migliorano in modo significativo le esportazioni in quasi tutte le destinazioni principali).

I SEGNALI DI MIGLIORAMENTO - Segnali positivi, pur in un quadro che resta negativo, per la ceramica di Sesto Fiorentino (-1,5%), alle prese con la difficile fase di rilancio della principale azienda del distretto. Tornano inoltre in positivo le vendite estere del tessile e abbigliamento di Prato (+3,8%), grazie ai buoni risultati dei filati, dell’abbigliamento e della maglieria. Ancora in calo, invece, le vendite estere di tessuti pratesi, comparto che ha vissuto forti trasformazioni nell’ultimo decennio a cui è dedicato un breve focus in questa edizione del Monitor. Buone notizie anche dal polo farmaceutico toscano che registra nel terzo trimestre una buona crescita delle vendite all’estero (+15,8%), mettendo a segno incrementi su quasi tutti i principali mercati di sbocco. Consolida i risultati ottenuti nella prima parte dell’anno il distretto del marmo di Carrara (+8%), che mantiene buoni ritmi di crescita negli Stati Uniti, negli Emirati Arabi Uniti, in Francia e Regno Unito. Rallentano, invece, le vendite sull’importante mercato cinese ed hanno continuano a evidenziare un trend fortemente negativo le esportazioni verso l’Arabia Saudita e la Germania.

LE CRITICITA' - Rimane, all’opposto, critica la situazione dei due distretti calzaturieri (Lucca -7,9% e Lamporecchio -8,5%) e del mobile (Quarrata -8% e Poggibonsi-Sinalunga -2,9%) e del florovivaistico di Pistoia (-10,9%). I distretti dell’alimentare evidenziano performance diversificate: al rallentamento dei vini del Chianti (0,7%) e al dato negativo dell’olio di Lucca (-4,8%) si contrappone il balzo delle vendite all’estero dell’olio di Firenze (+26,2%).

MERCATI "MATURI" - L’accelerazione sperimentata nel terzo trimestre è legata sia al nuovo miglioramento delle vendite sui mercati maturi sia, soprattutto, al balzo registrato nelle vendite sui mercati emergenti, tornati a crescere a tassi superiori al 20%. Il miglioramento delle esportazioni nei mercati maturi, che assorbono oltre il 60% delle vendite, è diffuso a molte destinazioni importanti, soprattutto in Europa. Spicca, in particolare, la forte accelerazione sperimentata dalle vendite in Germania (+11,9% nel terzo trimestre) e Regno Unito (+18,5%), ma si registrano progressi, seppure con ritmi meno elevati, anche in Francia (+2%) e Spagna (+1,1%), tornata in territorio positivo dopo nove trimestri consecutivi di contrazione.

MERCATI EMERGENTI - Tra le destinazioni emergenti da segnalare il mantenimento di ottimi ritmi di crescita negli Emirati Arabi Uniti (+45,6%), Russia (+18,3%), Turchia (+9,6%), Hong Kong (+6,3%) e Cina (+5,7%) e, soprattutto, il vero e proprio boom sperimentato in Corea del Sud (+35,7%), dove le imprese toscane iniziano a beneficiare degli effetti dell’accordo di libero scambio siglato dall’UE.
Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 28 Gennaio 2014 12:58
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici