Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

DPCM - Confesercenti Toscana chiede sostegno alle imprese convolte

DPCM - Confesercenti Toscana chiede sostegno alle imprese convolte DPCM - Confesercenti Toscana chiede sostegno alle imprese convolte

Nico Gronchi: "I nuovi provvedimenti restrittivi non mancheranno di avere effetti negativi sull’attività di diverse categorie di imprese".

AGIPRESS - FIRENZE - Confesercenti Toscana interviene sull’ultimo DPCM annunciato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte: “Eravamo molto preoccupati - spiega il Presidente Nico Gronchi - che l'aumento repentino dei contagi e le scelte pesanti fatte in Francia, Inghilterra e Germania portassero anche l'Italia a processi di chiusura dall'alto, pesanti e pericolosissimi per le imprese”. Gli aspetti del DPCM, di impatto per le imprese, che l'associazione di categoria sottolinea sono le seguenti: la questione 'movida' è stata risolta coinvolgendo i sindaci, che potranno disporre la chiusura dopo le ore 21.00, di vie o piazze dove possono crearsi assembramenti. Nelle nostre Città si potranno trovare gli equilibri giusti senza che un decreto sancisca vita o morte di strade, piazze e delle imprese che ci lavorano, ma si tratta di aver scaricato sui sindaci gigantesche responsabilità e con loro dovremo lavorare fianco a fianco per trovare soluzioni equilibrate. La questione ristorazione è stata risolta consentendola con qualche limitazione fino alle 24:00 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo consentendo l'asporto fino alle ore 24:00 oltre alla consegna a domicilio. “Aver evitato coprifuoco o lockdown è un risultato certamente positivo – prosegue Gronchi -, ma i nuovi provvedimenti restrittivi stabiliti dal DPCM, non mancheranno di avere effetti negativi sull’attività di diverse categorie di imprese, già gravemente provate dalla crisi, per le quali dovrà essere disposto un sostegno immediato, senza interventi a pioggia, ma riservandolo a chi è realmente in difficoltà e valutando attentamente i criteri di selezione”. “Adesso dovremo essere capaci tutti, sia gli operatori economici, sia ogni singolo cittadino, di creare le condizioni per non peggiorare la situazione attuale. Molto dipende da ognuno di noi”.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici