Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

CONFASSOCIAZIONI interviene su "Formazione amministratori immobiliari"

CONFASSOCIAZIONI interviene su "Formazione amministratori immobiliari" CONFASSOCIAZIONI interviene su "Formazione amministratori immobiliari"
"Auspicio è piena collaborazione alla stesura di un percorso formativo di elevato standing che sia finalizzato soprattutto alla tutela dei cittadini consumatori"

AGIPRESS - FIRENZE - “Il futuro regolamento ministeriale sulla formazione degli amministratori immobiliari non dovrà prescindere dalla conoscenza maturata dal sistema formativo associativo che ha sopperito negli ultimi 20 anni alle evidenti carenze normative”. Lo ha dichiarato in una nota Franco Pagani, Vice Presidente di CONFASSOCIAZIONI con delega ai Rapporti con l’Università.

“La recente riforma del condominio (Legge 220/2012), oltre al diploma di scuola media superiore, ha obbligato il futuro amministratore a frequentare un corso di formazione iniziale e, per la prosecuzione dell’attività, a seguire corsi di formazione periodica. Fin qui, assoluta concomitanza con quanto CONFASSOCIAZIONI ritiene indispensabile per una vera qualità professionale riconoscibile sul mercato. Peccato – ha sotttolineato Pagani -  che la 220 si sia dimenticata di specificare chi possa tenere i corsi, quale sia la durata minima ed i contenuti e se debba essere prevista una verifica finale”. 

Entrata in vigore il 18 giugno scorso, la 220 è stata nuovamente oggetto di modifiche con il Decreto Legge 145/2013 “Destinazione Italia”. Il Governo è dunque intervenuto con un decreto legge e quindi, in attesa della conversione, in modo transitorio. “Una transitorietà forse troppo prolungata - precisa Pagani che è anche Vice Presidente dell’APE, l’Associazione dei Periti e degli Esperti – 60 giorni dal 24 dicembre per la conversione ma comunque un intervento importante perché ha demandato la disciplina ad un regolamento del Ministro della Giustizia con cui determinare i requisiti per esercitare l'attività di formazione degli amministratori, nonché i criteri, i contenuti e le modalità di svolgimento dei corsi di formazione iniziale e periodica”.

“In sintesi – conclude Pagani - l’auspicio di CONFASSOCIAZIONI è che il Ministro possa ascoltare gli unici soggetti che hanno concrete esperienze maturate e strutturate come le associazioni professionali per una piena collaborazione alla stesura di un percorso formativo di elevato standing che sia finalizzato soprattutto alla tutela dei cittadini consumatori. Tale percorso potrebbe essere supportato dalla costituzione di un Comitato di aggiornamento e verifica da insediare presso il Ministero (senza costi per lo Stato) a cui CONFASSOCIAZIONI e le sue organizzazioni sono pronte a dare un importante contributo in termini di partecipazione o indicando conoscitori “reali” della materia. La speranza è che, una volta tanto, il percorso sia ascendente, ovvero proveniente dal mondo delle professioni associative e del mercato, anziché discendente, e cioè calato sul mercato da chi non conosce e vive quotidianamente la realtà complessa di un mondo, quello dell’amministrazione immobiliare, che rappresenta uno dei pochi settori in grado, nonostante, la crisi di generare posti di lavoro per i giovani”.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici