Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Appello di Confesercenti Toscana: "Per ristorazione e comparti food occorre fare molto di più"

Appello di Confesercenti Toscana: "Per ristorazione e comparti food occorre fare molto di più" - nella foto Nico Gronchi Appello di Confesercenti Toscana: "Per ristorazione e comparti food occorre fare molto di più" - nella foto Nico Gronchi

Si aspettano risposte importanti per queste categorie a rischio collasso.

AGIPRESS - FIRENZE - In questi giorni stanno nascendo moti spontanei di imprese che interpretano i sentimenti di frustrazione e preoccupazione delle aziende, a partire dai ristoranti e pubblici esercizi fino alle saracinesche chiuse. In questi fermenti sono presenti tante realtà, tanti piccoli imprenditori che chiedono certezze. Confesercenti sostiene e continuerà a sostenere queste realtà, in particolar modo ora che l’economia è schiacciata dalla pandemia. 

Sulla ristorazione e tutti i comparti del food occorrono, subito, risposte specifiche:

- Allungare la cassa integrazione in deroga fino ad oggi prevista per avere tempo per gestire la Fase 2;

- Affrontare con forza la questione degli affitti commerciali per riduzioni che tengano conto del mercato cambiato drasticamente;

- Apertura scaglionata in condizioni sostenibili.

"Qualora non fosse possibile aprire in sicurezza e per chiunque non vorrà o non potrà, aspettando le condizioni per farlo, occorre che il governo, le regioni i comuni, applichino misure di sostegno a tutto tondo per salvaguardare queste imprese". Questa la posizione di Confesercenti Toscana che lancia un appello a unire le forze e aggiunge: "Positiva l’ordinanza sull’asporto, ma senza limitazioni, un pezzo di risposta importante che avevamo chiesto. Per ristoranti e pubblici esercizi del nostro Paese occorre fare molto di più". “È il momento di fare uno sforzo straordinario tutti insieme – ha detto il Presidente di Confesercenti Toscana Nico Gronchi – in particolare per il settore food, ristorazione, bar, pubblici esercizi. Dobbiamo mantenere alta l'attenzione, anche con iniziative sul territorio come quelle dei ristoratori, ma soprattutto sulle risposte che ci attendiamo per queste categorie. Chiunque ha voglia e proposte dia una mano, Confesercenti, in ogni territorio, è la casa delle imprese, tutte le imprese”.

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 22 Aprile 2020 23:53
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici