Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

ANTI CONTRAFFAZIONE - AL via la campagna NO FAKES per la tutela del Made in Italy

ANTI CONTRAFFAZIONE - AL via la campagna NO FAKES per la tutela del Made in Italy ANTI CONTRAFFAZIONE - AL via la campagna NO FAKES per la tutela del Made in Italy

Una piaga in Toscana dove ci sono 5 delle 26 province più esposte al rischio contraffazione d’Italia

AGIPRESS - FIRENZE - Prende il via la campagna anti contraffazione e per la tutela del made in Italy NO FAKES, organizzata da Confartigianato con l’Osservatorio Anti Contraffazione della Camera di Commercio di Firenze e presentata oggi alla Casa delle Eccellenze, l'angolo Expo della città promosso da Camera di Commercio e realizzato da Promofirenze, con il patrocinio di Milano Expo 2015, Regione Toscana e Comune di Firenze che, fino al 4 ottobre, ospita i maestri artigiani di Confartigianato. Erano presenti Gianna Scatizzi, presidente di Confartigianato Imprese Firenze, Sonia Menaldi, funzionario di Camera Di Commercio di Firenze, Elio Covino, rappresentante della Polizia Municipale del Comune di Firenze all’interno dell'Osservatorio Anticontraffazione, Damiano Sposato, rappresentante della Agenzia delle Dogane e dei Monopoli all’interno dell’Osservatorio Anticontraffazione, Massimo Machiavelli, presidente Pellettieri Confartigianato Toscana, Niccolò Giannini, presidente Pellettieri Confartigianato Firenze, gli studenti dell’Istituto Tecnico Superiore dell’eccellenza nel made in Italy MITA che hanno posto domande sul tema agli esperti ed esponenti delle forze dell’ordine presenti. Ha chiuso l’evento una sfilata di moda in cui le modelle, che indossavano capi ed accessori autentici e falsi, si sono spogliate, al termine della passerella, degli indumenti contraffatti, valorizzando il solo e autentico Made in Italy.

ALTO RISCHIO IN TOSCANA - “Una piaga che colpisce duro anche sul nostro territorio quella della contraffazione – ha dichiarato Scatizzi. Basti pensare che il fenomeno ha provocato in Toscana, dal 2008 al 2013, un danno accertato di 300,2 milioni di euro: il 2% del valore aggiunto manifatturiero della regione (15.005 milioni di euro) ma è una stima a minore, considerato che è calcolato solo su ciò che è stato sequestrato, e non su ciò che è rimasto sommerso”. I 10 settori in cui in Italia si polarizza il fenomeno della contraffazione, esponendo le imprese artigiane manifatturiere che vi lavorano a forte rischio di concorrenza sleale, sono: tessile, abbigliamento, articoli in pelliccia, articoli in maglieria, cuoio-borse-pelletteria e pellicce, calzature, gioielleria, giocattoli, profumi e cosmetici e occhialeria. E il rischio maggiore del paese è localizzato proprio in Toscana che ha il 42,4% delle proprie imprese manifatturiere attive proprio in questi settori, contro una presenza media nazionale del 19,7%. E Toscane sono anche 5 delle 26 province più  esposte al rischio contraffazione in Italia: Prato che, con 4.016 imprese artigiane esposte, pari al 79,6% del manifatturiero della provincia, è la provincia più a rischio d’Italia, Firenze che, con 4.390 imprese, pari al 48,4%, è la 3° provincia più in pericolo, Arezzo con 1.667 imprese esposte, pari al 48,3% (la 4° provincia), Pistoia con 1.070 imprese esposte, pari al 40,3%, (5° provincia), Pisa con 960 imprese esposte, pari al 33,9% (8° provincia).

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 29 Settembre 2015 15:02
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici