Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

PRODUZIONI – Unaprol (Consorzio Olivicolo italiano): nel 2012 export made in Italy +3,5% su 2011, 70% è extra vergine

L'Extra vergine italiano conquista l'estero L'Extra vergine italiano conquista l'estero

Tra i Paesi nuovi consumatori si segnalano Cina e Russia, con un incremento dell’export del 18% sia in volume, sia in valore

     

AGIPRESS – Bilancia delle esportazioni in positivo per l’olio di oliva made in Italy, che nel 2012 registra con 416 mila tonnellate, una progressione del 3,5% rispetto al 2011. A determinare la performance gli oli di maggior pregio: la categoria degli extra vergini e vergini, che concorrono al 70% delle vendite all’estero. Il made in Italy vola con buoni risultati verso gli Usa, con 133 mila tonnellate di olio esportato (con una progressione del 5,3% in quantità e del 4% in valore), in Germania dove si sono raggiunti livelli di 48 mila tonnellate di olio esportate ( +6,6% in volume e +3,2% in valore), e in Giappone, dove la performance è migliorata di molto, con una crescita del 24% in quantità e del 20% in valore.  Tra i Paesi nuovi consumatori si segnalano Cina e Russia, con un incremento dell’export del 18% sia in volume, sia in valore.  

“E un buon segnale commenta Pietro Sandali direttore generale di Unaprol, che denota il dinamismo delle imprese italiane nel produrre prodotti di buona ed alta qualità. Questi dati sono anche una conferma – ha poi aggiunto – della validità dei programmi di promozione del consumo consapevole realizzati in tutto il mondo da Unione Europea, dall’Italia e da Unaprol”. Dall’analisi degli scambi, realizzata dall’osservatorio economico di Unaprol in occasione di Tuttofood di Milano, risulta che nel 2012 l’Italia ha acquistato dall’estero olio per circa 1 miliardo e 100 milioni di euro. I volumi importati hanno quasi raggiunto il livello di 600 mila tonnellate, ma hanno registrato una flessione del 4,2% attribuibile in misura maggiore al segmento degli oli d’oliva. Gli approvvigionamenti dalla Spagna hanno subito una contrazione del 12%, determinate prevalentemente dalla diminuzione della produzione spagnola. 

Ma la novità che si affaccia sui mercati è il Messico. Su una popolazione di oltre 115 milioni di abitanti, oltre 10 milioni di messicani conducono una vita con un tenore di vita superiore alla media. Si tratta di soggetti alto spendenti – afferma Eugenia Mesta – trade analyst dell’agenzia ICE di Città del Messico con una eccellente inclinazione verso il mercato Made in Italy che è leader nel segmento dei negozi gourmet. L’età media dei cittadini messicani è di 27 anni. Si tratta di una popolazione giovane che può essere intercettata con un prodotto di alta qualità come quello italiano che attualmente è al secondo posto nel Paese del Centro America. Unaprol sta incentrando la sua comunicazione sulle proprietà salutistiche dell’extra vergine. “L’alta qualità degli oli – afferma il prof. Maurizio Servili dell’Università di Perugia – è legata tra l’altro all’alto contenuto di acido oleico, di alfatocoferolo e di composti fenolici bioattivi. Si tratta – ha poi aggiunto Servili - di sostanze importanti nella riduzione delle malattie cardiovascolari e nella prevenzione di alcune forme di tumore”.

Agipress

Ultima modifica ilLunedì, 20 Maggio 2013 12:22
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici