Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

AGRICOLTURA BIOLOGICA - "Bio Regione Toscana", prima esperienza in Italia

AGRICOLTURA BIOLOGICA - "Bio Regione Toscana", prima esperienza in Italia AGRICOLTURA BIOLOGICA - "Bio Regione Toscana", prima esperienza in Italia

La Toscana si accinge ad essere la prima bioregione italiana. Il 30 marzo a Greve in Chianti la proposta di costituzione

 

AGIPRESS - FIRENZE - Il 30 marzo si terrà a Greve in Chianti una giornata dedicata alla proposta di costituzione della Bio Regione Toscana. L’iniziativa, promossa da Città del Bio, Uncem e Assogal, vuole essere anche una giornata d'incontro dei biodistretti della Toscana. La Toscana dunque si accinge ad essere la prima bioregione italiana, un’idea progettuale che è stata presentata nelle settimane scorse  all'assessore regionale all'agricoltura Gianni Salvadori.

Il 30 sono stati invitati  a Greve, dove  si è costituito il primo distretto del biologico, l'assessore regionale Gianni Salvadori, i sindaci dei Comuni di San Gimignano, della Val d'Orcia, del Chianti, della Val di Chiana, del Casentino, nei cui territori si sono costituiti, o sono in via di costituzione i bio distretti. Hanno confermato la loro presenza gli assessori all'ambiente di Norimberga Peter  Pluschke, e di Torino Enzo Lavolta, entrambi vice presidenti della rete europea “Città del Bio”, con il Presidente Claudio Serafini, il sindaco di Correns Michaël Latz e il presidente del movimento bio danese  Per Kølster, il Presidente di Res Tipica Fabrizio Montepara e il bio distretto Chianti Classico. Il sindaco di San Gimignano Giacomo Bassi ha manifestato il suo “grande interesse per un luogo d'incontro tra Comuni e rappresentanti dei bio distretti a livello della Bio Regione Toscana”.

COSA E' - L'idea della Bio Regione Toscana nasce come luogo d'incontro e di scambio di esperienze dei bio distretti e delle filiere del biologico, come luogo di interlocuzione delle organizzazioni professionali degli agricoltori e delle associazioni dei produttori del biologico. Una voce  pubblica che parte dal basso, dai Comuni, costruttiva e aperta al servizio del mondo del biologico e della Regione Toscana. “Con questo spirito di condivisione e crescita si sviluppa la Bio Regione Toscana” afferma Claudio Serafini presidente sella rete Europea di città del Bio. “Una Bio Regione Toscana  - aggiunge -  in grado di collaborare, per esempio, con la Bio Regione della Baviera su progetti quali  l'innovazione, la conoscenza e il trasferimento tecnologico che sono tra le priorità della nuova Pac. Reti e territori, innovazione e occupazione giovanile nel segno della sostenibilità e dell'agricoltura biologica, anche questo vuole essere la Bio Regione Toscana”. Questi obiettivi, per essere applicati, richiedono un sistema di coordinamento tra i territori rappresentati dai Comuni, dalle reti di filiere e da aggregazioni di aziende biologiche oltre che da enti di ricerca su scala europea adatti a colmare l'attuale eterogeneità dimensionale, organizzativa e funzionale del settore.

“Un momento importante – afferma il Presidente di Uncem Toscana Oreste Giurlani – che va nella direzione della valorizzazione del territorio e delle produzioni tipiche agroalimentari ed artigianali dell’intera regione intesa dunque come insieme di eccellenze condivise e legate tra loro”. “Il 2015 sarà l’anno dell’Expo di Milano – ha affermato il Sindaco di Greve in Chianti Alberto Bencistà - che avrà al proprio centro il tema dell’alimentazione e del cibo con tutte le sue coniugazioni possibili, soprattutto ambientali. Per la Toscana si tratta di un'occasione straordinaria, la prima bio regione a livello nazionale all’avanguardia, anche alla luce della crescente richiesta del mercato di prodotti biologici che fanno bene alla salute e che allo stesso tempo contribuiscono in maniera significativa alla diminuzione dell’inquinamento".

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 21 Febbraio 2014 14:34
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici