Menu
Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Oggi su RaiPlay si parla della tempesta Vaia che devastò il Nordest

Foto di Michele Lapini Foto di Michele Lapini

Un disastro naturale: raffiche violentissime ed alluvioni mettono in ginocchio il nord est del nostro paese

 

AGIPRESS - FIRENZE - È la notte del 29 ottobre 2018. Un boato e poi l’apocalisse. I venti raggiungono la velocità di un uragano, soffiando tra i 100 e i 200 chilometri orari per diverse ore, mentre gli alberi si schiantano al suolo e interi boschi si arrendono alla forza della natura. Le mappe metereologiche previsionali visualizzano, già da qualche giorno, una forte ondata di maltempo che avrebbe interessato il Nord-Est del nostro Paese. E l’ondata arriva con tutta la sua furia. In una sola notte vengono abbattuti 14 milioni di alberi, la pioggia cade persistente, bombe d’acqua travolgono fiumi, cancellano strade, devastano case. Si contano vittime, paesi isolati e danni incalcolabili.  “Se si vedono le immagini di quei giorni, si ha l’idea dell’apocalisse. I venti violentissimi hanno messo a nudo la fragilità dei nostri boschi. Perché l’uomo rimane così indifferente ai messaggi che l’ambiente gli sta inviando?” È Paola Favero, forestale e scrittrice, testimone diretta e voce narrante di questa quarta puntata di Ossi di Seppia, quello che ricordiamo, dal 26 ottobre su RaiPlay.  Un disastro che racconta la verità sul cambiamento climatico che con Vaia diventa tangibile ed evidente: la natura prende il sopravvento e vince sull’uomo.

Ossi di Seppia, quello che ricordiamo, la prima serie Tv non fiction dell’era post pandemia, prodotta da 42° Parallelo, è una esplorazione emozionale del passato che, in ventisei puntate e altrettanti eventi (che si avvalgono del repertorio tratto dalle Teche Rai e dagli archivi fotografici) ripercorre quei fatti che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese, che hanno segnato le nostre vite e che rimarranno appunto… quello che ricordiamo.

 

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici