Menu
NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

L’Hip Hop raccontato negli scatti del fotografo Michael Lavine

Le Fotografie di Michael Lavine in mostra per raccontare la storia dell'Hip Hop Le Fotografie di Michael Lavine in mostra per raccontare la storia dell'Hip Hop

Negli ultimi venticinque anni ha realizzato alcune delle immagini più forti e iconiche del mondo dello spettacolo.

AGIPRESS - FIRENZE - “Hip Hop History. Fotografie di Michael Lavine”, questo il nome della mostra sull’Hip Hop raccontato negli scatti di Michael Lavine, fotografo che negli ultimi venticinque anni ha realizzato alcune delle immagini più forti e iconiche del mondo dello spettacolo. La mostra è stata presentata da McArthurGlen Barberino Designer Outlet in collaborazione con ONO arte contemporanea. L’Hip Hop, nato come subcultura nei difficili ghetti del Bronx, non è stato solo un genere musicale di grande intensità - che ha proiettato sulla scena internazionale nomi del calibro di Notorious B.I.G, Big Daddy Kane, Missy Elliott, Jay-Z, Lil’ Kim e Tupac - ma un fenomeno che ha investito la cultura tout court: moda, danza, grafica e arti visive e che ha mutato codici comportamentali e linguistici dei giovani di allora e di oggi. Partendo da questa considerazione, McArthurGlen Barberino e ONO arte contemporanea hanno creato una mostra inedita che analizza lo stretto rapporto tra stile di strada e streetwear, parte integrante dell’offerta del Centro, attraverso le immagini di uno dei suoi testimoni più eccellenti, il fotografo Michael Lavine. 

L'HIP HOP nasce all’inizio degli anni Settanta in una New York divisa tra lotte razziali e rivalità̀ tra gang di quartiere, durante i cosiddetti block party, feste che si svolgevano nelle strade dei quartieri popolari in cui i giovani interagivano tra loro suonando, ballando e cantando a ritmo della musica in 4/4. Da fenomeno locale, si trasforma in pochissimo tempo in cultura globale, iconograficamente riconoscibile tramite atteggiamenti e outfit che ne definiscono le ambizioni e le aspirazioni dei suoi maggiori interpreti. La strada, luogo di nascita dell’Hip Hop, è il palcoscenico ideale per i b-boy che si esibiscono in improvvise “lotte” a colpi di breakdance mentre i muri scrostati sono le tele a cielo aperto dei writer che con le loro tag hanno dato colore ai grigi quartieri delle periferie. Le radio vengono conquistate delle sonorità hip hop e i singoli salgono in vetta alle classifiche mondiali, lo stereo - portato rigorosamente sulla spalla - diventa un accessorio indispensabile, così come immancabili sono i pantaloni e le felpe oversize, le giacche di pelle, le tute da ginnastica, le insostituibili sneakers e i bucket hat. Con il boom economico degli anni Ottanta l’abbigliamento dei rapper conquista anche l’haute couture: i gioielli sono d’oro, i diamanti ricoprono le mani di donne e uomini indistintamente, le macchine sportive diventano uno status-symbol e le tag diventano motivo d’ispirazione per i grandi brand della moda che iniziano a guardare con sempre maggior interesse al nuovo fenomeno culturale. Negli anni Novanta i rapper diventano superstar dello show business americano e l’Hip Hop si trasforma nella principale forza artistica in diffusione negli Stati Uniti, portando tuttavia inizialmente con sé gli strascichi del ghetto. A partire dalla seconda metà degli anni Novanta l’Hip Hop si istituzionalizza per poi trasformarsi in una delle più grandi industrie culturali contemporanee. 

MICHAEL LAVINE, fotografo americano rinomato per la sua sensibilità visivamente dinamica e la sua acuta attenzione per la composizione formale, negli anni ha realizzato numerosi foto-ritratti, diventati poi iconici, legati al mondo dell’Hip Hop: suoi sono gli scatti di alcune copertine di album per artisti del calibro di Notorious B.I.G, Puffy, Lil’ Kim, Jay Z e Wu-Tang Clan. Con i suoi ritratti, l’artista è riuscito a cogliere le diverse sfumature di un movimento culturale che, a quarant’anni dalla sua nascita, scavalcando confini territoriali, etnici e temporali, si può ancora ritenere un fenomeno cardine della società contemporanea.

LA MOSTRA “Hip Hop History. Fotografie di Michael Lavine” (12 giugno – 22 luglio 2018) è composta da 30 immagini mai esposte prima in Italia e ripercorre, attraverso i volti più significativi della scena Hip Hop impressi negli scatti di Lavine, l’evoluzione di questo importante fenomeno culturale, dalla sua nascita ai giorni nostri. Tra le fotografie esposte ci saranno l’iconica copertina dell’album “Stankonia” degli OutKast, le profetiche immagini dell’ultimo disco di Notorious B.I.G. “Life after Death” e i ritratti di Jay Z. La mostra è perta dal Lunedì alla Domenica dalle 10:00 alle 21:00, ingresso libero.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici