Menu
SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Gli attori pagati con olio, pecorino e vino, è il Festival Mav! Maremma a veglia

A via il Festival Mav! Maremma a veglia A via il Festival Mav! Maremma a veglia

Dal 6 al 21 settembre l’ottava edizione che include oltre al Comune di Manciano, quello di Orbetello

AGIPRESS - GROSSETO - Dal 6 al 21 settembre torna il festival “A Veglia” che per l’ottava edizione, diventa “MAV! Maremma a veglia!”. E raddoppia, includendo oltre al Comune di Manciano, quello di Orbetello. Il “Festival a Veglia - a teatro col baratto” è un esempio di teatro low cost e di economia condivisa. Nell’epoca dei tagli alla cultura, A Veglia ripropone - grazie alla partecipazione degli abitanti che aprono le loro case al pubblico - una tradizione maremmana: il racconto fuori della porta di casa. Il biglietto diventa speciale: gli attori sono pagati non in denaro ma con una bottiglia d’olio o di vino doc, una forma di pecorino, un prodotto del territorio. Gli spettatori sono coinvolti con il gesto del baratto e… portandosi la sedia! Ristoratori e albergatori offrono la loro ospitalità.

Il Festival a Veglia è il frutto della ricerca che Elena Guerrini ha iniziato nel 2007 con Orti insorti, arrivato a centinaia di repliche in tutta Italia e all’estero, da New York a Varsavia, e diventato un “manifesto” del rispetto dell’ambiente e del ritorno alla terra. E' realizzato dall'associazione culturale creature creative, con il contributo dei Comuni di Manciano e Orbetello e con il patrocinio della Provincia di Grosseto. Fondamentale la collaborazione di alcune aziende del territorio, che sostengono il festival in ospitalità e ristorazione e con prodotti e degustazioni. La proposta di questo “teatro fuori dal teatro”, ha conquistato molti nomi dello spettacolo: da Marco Paolini a Simone Cristicchi, da Moni Ovadia ad Alessandro Benvenuti, da Iaia Forte a Vladi Luxuria. E altre decine di autori e attori che in questi anni hanno accettato la sfida. L’edizione 2014 è dedicata al LAVORO: #ARTICOLOUNO, perché la nostra è una repubblica fondata sul lavoro, come scrive la Costituzione. A Veglia va nelle case a parlare di lavoro con: GLI OMINI, TEATRO DELLE ARIETTE, ALMA ROSE’, ELENA GUERRINI, LE DONNE DELLA MABRO, PINO PETRUZZELLI, CASA DEL VENTO, BABILONIA TEATRI, FERDINANDO VASELLI.

Agipress

Ultima modifica ilSabato, 29 Novembre 2014 16:43
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici