Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

VII centenario della nascita di Giovanni Boccaccio

Giovanni Boccaccio Giovanni Boccaccio

Tra Certaldo e Firenze, un anno di cultura ed eventi.

AGIPRESS - Grande occasione di cultura in Toscana. Il VII Centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, uno dei padri letterari dell’Italia moderna, sarà l’occasione nel corso del 2013 per un anno di eventi tra convegni, libri, musica, arte, concorsi, teatro, visite guidate e gusto; si svolgeranno in tante città italiane e all’estero, ma avranno il loro fulcro in Toscana, tra Certaldo e Firenze, allargandosi alla rete dei Comuni citati nel Decameron e valorizzati da una ricerca storico-paesaggistica finanziata dalla Regione. Sono la Regione, l’Ente nazionale Giovanni Boccaccio, il Comune di Firenze e naturalmente il Comune di Certaldo ad essere in prima fila nell’organizzare le celebrazioni da un punto di vista qualitativo e quantitativo.

“Boccaccio è un patrimonio dell’umanità, ma soprattutto è Certaldo – ha detto il sindaco Andrea Campinoti nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento, svoltasi a Palazzo Strozzi Sacrati; erano con lui l’assessore regionale alla cultura Cristina Scaletti e il professor Stefano Zamponi, presidente dell’Ente nazionale Boccaccio– . Con questa consapevolezza in questi anni abbiamo investito, grazie anche al contributo e al sostegno della Regione Toscana, nel recupero e nella qualificazione del borgo medievale e in primis di Casa Boccaccio, nei servizi al turista, ma soprattutto nella pianificazione di interventi culturali che coniugassero qualità e divulgazione: Mercantia per lo spettacolo, il Premio  Boccaccio per la letteratura, l’Ars Nova per lo studio della musica medievale, Boccaccesca per l’enogastronomia, tutte eccellenze di livello nazionale nate e cresciute qui, che quast’anno assumono una valore assoluto”.

Giovanni Boccaccio nasce probabilmente a Certaldo o a Firenze, nel giugno/luglio 1313, e muore certamente a Certaldo il 21 dicembre 1375, in quella che oggi è la Casa Museo sede dell’Ente Nazionale a lui dedicato. Poeta in latino e in volgare, erudito cultore della latinità e divulgatore di Omero, Euripide, e soprattutto Dante, è osservatore e narratore di tutti i protagonisti – giovani e vecchi, nobili e plebei, religiosi e laici – della civiltà comunale nel pieno fiorire del suo sviluppo. ll narratore che dà voce, scrivendo in prosa volgare, a quel vasto ceto sociale che va dai piccoli artigiani a quella che oggi chiameremmo la “borghesia degli affari”, secondo il professor Zamponi.

Agipress

Ultima modifica ilSabato, 23 Marzo 2013 19:04
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici