Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

"PASSIONI FESTIVAL" - Dal 27 al 29 giugno ad Arezzo

Ad Arezzo "Passioni Festival" Ad Arezzo "Passioni Festival"

Tre giorni di appuntamenti tra informazione, cultura, politica e musica in piazza Sant’Agostino

AGIPRESS - AREZZO - La passione scuote e scardina, getta un ponte tra volere e potere. La passione – per un’idea, per una persona, per un mestiere, per un’arte – è una scarica che rompe schemi consolidati. Quell’enorme forza motrice in fuga dal banale viene celebrata ad Arezzo, il 27, 28 e 29 giugno dal Passioni festival, promosso dal Pd. Tre giorni di appuntamenti tra informazione, cultura, politica e musica in piazza Sant’Agostino. Grandi ospiti per tre serate di approfondimento e svago nel cuore di una città da sempre patria di enormi passioni.

Quella di Mecenate per gli artisti, di Guido Monaco per la musica, di Petrarca per Dio e la poesia, di Pietro Aretino per la carne e la satira. E poi Piero, Masaccio, Michelangelo, Vasari. Arezzo, terra di grandi commercianti, di politici, di capitani d’industria, di innamorati, di orafi, di artisti e artigiani che coi prodotti del loro genio e della perizia delle loro mani sono riusciti a incantare l’Italia e il mondo dall’epoca etrusca ad oggi.

Il primo ospite a salire sul palco di Sant’Agostino sarà Andrea Scanzi, giornalista del Fatto Quotdiano e scrittore, che – da aretino – giocherà in casa. Lui vive di passioni: per la politica, per il buon vino, per gli animali. Enorme è quella per Giorgio Gaber: “Lo vidi la prima volta nel ’91 all’Anfiteatro Fiesole, avevo 17 anni. Mi ha cambiato la vita”. Scanzi torna nella sua Arezzo giovedì 27 giugno alle 21,15 con uno spettacolo teatrale sul grande cantautore, che sta facendo registrare il sold out in tutta Italia: “Gaber se fosse Gaber”. Una lezione-spettacolo che racconta l’opera di Giorgio, soprattutto quella del Teatro Canzone. Una narrazione alternata a filmati editi e inediti che ritraggono Gaber, tratti dal repertorio della Fondazione che patrocina lo spettacolo.

“Di solito non ci si annoia – racconta Scanzi nella presentazione dello spettacolo sul suo sito – non me lo perdonerei. Adoro essere sgradevole, a volte: era tipico anche di Gaber. Ma la noia no, quella è imperdonabile. Certi intellettuali, e certi tromboni dell’arte pensosa, dovrebbero prima o poi capirlo”.

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 28 Giugno 2013 19:16
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici