Menu
Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

PALIO DI SIENA - Corsa bellissima, vince il DRAGO

PALIO DI SIENA - Corsa bellissima, vince il DRAGO  - foto Agipress PALIO DI SIENA - Corsa bellissima, vince il DRAGO - foto Agipress

In rimonta Alberto Ricceri, detto Salasso, su Oppio porta la contrata alla 37° vittoria

AGIPRESS - SIENA - Un appuntamento atteso e vissuto tutto l'anno, con intensità e amore per una città, Siena, che porta in alto la sua tradizione più grande, il Palio. Al Drago con la sua 37esima vittoria, il Palio del 2 luglio dedicato alla Madonna di Provenzano, dopo una corsa bellissima. I contradaioli di Camporegio esultano durante la corsa vittoriosa che ha visto Alberto Ricceri, detto Salasso, su Oppio, un castrone grigio di sette anni, tagliare per primo il bandierino. Fra i canapi Aquila, Pantera, Giraffa, Onda, Lupa, Drago, Bruco, Selva, Chiocciola, con la Tartuca di rincorsa, a  sfrecciare in testa la Pantera, dietro l’Aquila e la Selva in parallelo. LA CORSA - Alla prima curva di S. Martino l’Aquila è prima, inseguita dalla Selva e subito superata dalla Pantera. Seguono Chiocciola, Drago e Onda. E’ ancora l’Aquila a girare per prima al Casato, poi Pantera, Selva e Drago. L’Aquila sembra destinata alla vittoria, ma al secondo S. Martino il Drago rimonta. Dall’uscita del secondo Casato inizierà a condurre la corsa, invano l’inseguimento dell’Aquila, della Selva e della Pantera. Dopo 13 anni di attesa tutta la Contrada si è riversata nella Basilica di Provenzano dove fedeli e atei, si sono ritrovati insieme davanti all’immagine sacra a versare lacrime di gioia. Una gioia che da sempre il Palio genera nella città, penetra nei cuori e nelle menti, invade i vicoli e sorprende i turisti che increduli si fondono tra la folla. (dl)

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 03 Luglio 2014 11:40
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici