Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NATALE - Fiaccole ad Abbadia San Salvatore (SI) per tornare indietro nel tempo

NATALE - Fiaccole ad Abbadia San Salvatore (SI) per tornare indietro nel tempo NATALE - Fiaccole ad Abbadia San Salvatore (SI) per tornare indietro nel tempo

Il canto delle pastorelle e del calore del fuoco che porta abitanti e turisti in un fantastico viaggio indietro nel tempo

AGIPRESS - ABBADIA SAN SALVATORE (SI) - Gigantesche cataste di legna si levano al cielo in attesa della mezzanotte. Accade per la vigilia di Natale ad Abbadia San Salvatore (SI), l'evento che ogni anno si conferma essere una delle più belle tradizioni natalizie della Toscana, quella delle fiaccole. La sera della vigilia la città si riempie del canto delle pastorelle e del calore del fuoco che porta abitanti e turisti in un fantastico viaggio indietro nel tempo. Una tradizione millenaria che affonda le sue radici nella Notte dei Tempi, prima dell’anno Mille, quando infatti, gli abitanti dei villaggi vicino all’abbazia e quelli dei borghi lungo la Via Francigena venivano qui per la messa di mezzanotte. I fuochi erano accesi per illuminare la strada e mantenere la popolazione al caldo. 

Ancora oggi, gigantesche cataste di legno si alzano davanti all’antica abbazia e in altri punti del centro storico in attesa della mezzanotte. L’intero paese si riversa nelle strade cittadine per festeggiare il Natale. Le festività hanno inizio verso le 18 con l’accensione della pira sotto i portici del Comune. Più tardi, verso le 21, avviene la benedizione dei corali che cantano e suonano attraverso le vie dei rioni cittadini, fermandosi di fronte ad ogni fiaccola. I festeggiamenti si concludono con l’apertura delle cantine dopo la messa. Un’occasione irrinunciabile per visitare uno dei borghi più belli della Toscana, un piccolo gioiello nascosto nel cuore del Monte Amiata, territorio di interesse storico, culturale, turistico ed enogastronomico.

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 02 Gennaio 2014 18:38
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici