Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

LIBRI - “Olimpia, madre di Alessandro Magno. Figlia, sposa, madre e sorella di re”

LIBRI - “Olimpia, madre di Alessandro Magno. Figlia, sposa, madre e sorella di re” LIBRI - “Olimpia, madre di Alessandro Magno. Figlia, sposa, madre e sorella di re”

Venerdì 24, ore 16.30, presentazione del libro di Paola Lomi presso la Sala degli Affreschi Palazzo Panciatichi, Consiglio regionale, via Cavour 4, Firenze

 

AGIPRESS - FIRENZE - “Olimpia, madre di Alessandro Magno. Figlia, sposa, madre e sorella di re”, è il titolo del libro scritto da Paola Lomi, che verrà presentato domani, venerdì 24 gennaio, alle 16,30, nella Sala degli Affreschi del Consiglio regionale, in via Cavour 4, a Firenze. Con l'autrice interverrà Ilaria Minghetti, critico letterario.

Nel testo Paola Lomi ripercorre la fanciullezza di Olimpia nelle terre selvagge dell’Epiro, poi la sua giovinezza presso il Santuario di Dodona che la consacrerà sacerdotessa, quindi nell’isola sacra dei Misteri, Samotracia, dove l’incontro con Filippo dei Macedoni cambierà il corso della sua vita. Suggestivi risultano i luoghi, più volte visitati dall’autrice, affascinanti perché custodiscono l’impronta della storia: l’Oracolo dei morti di Efira a cui lo stesso Ulisse si era rivolto durante il suo lungo viaggio di ritorno per consultare Tiresia;  il Santuario di Dodona famoso per i suoi responsi; le attrattive di Pella, il centro più importante dei Macedoni; lo splendore di Ege, la prima capitale, che mostra le testimonianze di un passato glorioso e drammatico insieme.

Il richiamo alle fonti storiche non toglie niente alla godibilità della narrazione. Le varie fasi della vita di Olimpia risultano  sottolineate dai diversi nomi che essa assume: Polissena è legato alla sua infanzia e fanciullezza; Myrtale è invece il nome che le viene assegnato con la sua iniziazione; infine da Filippo, dopo il suo matrimonio, è nominata Olimpia. Il ritratto complessivo che viene tratteggiato è quello di una donna di ieri che diventa attuale: impavida e decisa, battagliera ed insieme adorabile nei suoi momenti di fragilità, fedele alla missione della sua vita, consapevole e fiera.

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 23 Gennaio 2014 12:44
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici