Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

FINAL CUT – Per una sera torna a Firenze il film "clandestino"

La sala dello Stensen dove verrà proiettato il lungometraggio "Final cut - Ladies and gentlemen" La sala dello Stensen dove verrà proiettato il lungometraggio "Final cut - Ladies and gentlemen"

Il lungomEtraggio di György Pálfi, realizzato con gli spezzoni di 450 pellicole"cult". Sarà proiettato il 3 ottobre allo Stensen in occasione della rassegna dedicata all’Ungheria

AGIPRESS - FIRENZE - Final Cut - "Ladies and Gentlemen" di György Pálfi, il lungometraggio realizzato con le scene selezionate da 451 film cult della storia del cinema, torna eccezionalmente a Firenze per una sera. Il film, presentato lo scorso dicembre nell’ambito del progetto mash-up cinema al cinema Odeon, sarà proiettato giovedì 3 ottobre, alle 21, presso l’Auditorium Stensen in occasione della rassegna Cinema d’Ungheria (ingresso libero), realizzata in collaborazione con l'Ambasciata di Ungheria a Roma e il Console generale on. di Ungheria a Firenze, Ferenc Ungár, in occasione dell'Anno Culturale Ungheria-Italia 2013.

Il talentuoso regista ungherese Palfi (già autore del pluripremiato Taxidermia), per realizzare "Final Cut" ha utilizzato, senza previa autorizzazione, gli spezzoni di classici del cinema mondiale (da Metropolis a Indiana Jones, passando per Il Padrino, Avatar, Scene da un matrimonio, Psycho e Tempi moderni), per raccontare una storia d’amore tra un uomo (“interpretato” da Marcello Mastroianni, Leonardo Di Caprio, Woody Allen, Jean-Paul Belmondo, Clark Gable, Alain Delon, Charlie Chaplin, Brad Pitt, Daniel Craig e molti altri) e una donna (“recitata” da Giulietta Masina, Jeanne Moreau, Julia Roberts, Sophia Loren, Penélope Cruz, Gina Lollobrigida, Liv Tyler e tante altre).

A causa della natura clandestina della realizzazione del film è impossibile una normale distribuzione nei cinema o in home video, per questioni di diritto d'autore e la proiezione risulta essere un’occasione pressoché unica di vederlo o rivederlo sul grande schermo. Prodotto con l’aiuto del celebre cineasta ungherese Béla Tarr, il film di Pálfi è un insolito e creativo omaggio alla settima arte, nato come risposta al blocco produttivo del suo nuovo progetto filmico a causa della crisi finanziaria che ha investito l'industria cinematografica del suo Paese.

Agipress

 

Ultima modifica ilVenerdì, 04 Ottobre 2013 10:22
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici