Menu
Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Astronomia e Arte contemporanea si incontrano in "Noi siamo la galassia del futuro"

Astronomia e Arte contemporanea si incontrano in "Noi siamo la galassia del futuro" Astronomia e Arte contemporanea si incontrano in "Noi siamo la galassia del futuro"

Con l'obiettivo di narrare i fenomeni cosmologici attraverso scenari intrecciati tra arte, astronomia e architettura.

AGIPRESS - FIRENZE - Una serie di installazioni di arte contemporanea e un dialogo con l’Astronomia: questo il filo conduttore degli incontri che si sono svolti nei locali della Fondazione Scienza e Tecnica di Firenze dal 27 al 29 ottobre. “Noi siamo la galassia del futuro”: questo il tema a cui si è ispirata la curatrice, l’architetto Beth Vermeer, fondatrice di Design of the Universe, che ha riunito tre coppie di protagonisti, ciascuna composta da un artista e un astronomo, per proporre un uso nuovo e originale anche del Planetario. La Fondazione Scienza e Tecnica, custode di un Museo che documenta l’eccellenza della formazione e della produttività tecnico-scientifica toscana tra Ottocento e Novecento, è, infatti, depositaria anche di un versatile Planetario digitale, che è in funzione da poche settimane, grazie al munifico supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. Nel Planetario, si sono svolte le conferenze tenute da astronomi professionisti, mentre negli altri locali della Fondazione, le installazioni artistiche sono state poste accanto ai reperti storici delle collezioni dell’antico Istituto Tecnico Toscano. L’obiettivo di narrare i fenomeni cosmologici attraverso scenari intrecciati tra arte, astronomia e architettura, nasce dalla volontà di mostrare come le contaminazioni tra la scienza e le arti, ormai praticate in svariati settori, possano contribuire ad una lettura trasversale dell’universo.  “Il dialogo tra i saperi”, afferma Donatella Lippi, Presidente della Fondazione, “costituisce il punto di forza di una istituzione come la Fondazione Scienza e Tecnica, le cui collezioni rappresentano l’incontro tra sapere e saper fare, che caratterizzava la «piccola scienza» ottocentesca. Per i ragazzi di oggi, questa prospettiva trasversale è un esempio formativo importante”.

Agipress

Ultima modifica ilDomenica, 29 Ottobre 2017 22:33
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici