Menu
Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

TERNA: a dicembre in aumento i consumi elettrici e industriali in Toscana

TERNA: a dicembre in aumento i consumi elettrici e industriali in Toscana

La domanda di energia elettrica regionale è stata coperta per il 38% da fonti di energia rinnovabile.

AGIPRESS - FIRENZE - Crescono i consumi elettrici in Toscana: secondo i dati di Terna, l’energia elettrica consumata in regione a dicembre 2021 è in aumento del 13,9% rispetto a dicembre 2020 e del 6,6% rispetto allo stesso mese del 2019. Nel periodo considerato, le fonti rinnovabili hanno coperto il 38% della domanda elettrica regionale. L’indice IMCEI elaborato da Terna - che prende in esame e monitora in maniera diretta i consumi industriali di circa mille clienti cosiddetti energivori connessi alla rete di trasmissione elettrica nazionale (grandi industrie dei settori ‘cemento, calce e gesso’, ‘siderurgia’, ‘chimica’, ‘meccanica’, ‘mezzi di trasporto’, ‘alimentari’, ‘cartaria’, ‘ceramica e vetraria’, ‘metalli non ferrosi’) - ha fatto registrare in Toscana un aumento del 5,6% rispetto a dicembre 2020. Crescita significativa per i comparti dei metalli non ferrosi (come rame e alluminio), cartaria e cemento calce e gesso. Positivi anche i dati dei settori di mezzi di trasporto, raffineria e cokeria e ceramiche e vetraria.

Sul territorio nazionale, la richiesta di energia elettrica a dicembre 2021 è stata pari a 27,4 miliardi di kWh, un dato in crescita del 5,9% rispetto a dicembre del 2020 e dello 0,8% rispetto a novembre 2021 (valori destagionalizzati e corretti dagli effetti di calendario e temperatura). A livello territoriale, la variazione di dicembre 2021 è risultata ovunque positiva: +5,2% al Nord, +7,1% al Centro e +6,5% al Sud e nelle isole. A dicembre 2021, la domanda di energia elettrica italiana è stata soddisfatta per il 92% con produzione nazionale e per la quota restante (8%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (25,5 miliardi di kWh) è risultata in aumento dell’11,4% rispetto a dicembre del 2020. Le fonti rinnovabili hanno coperto il 32% del fabbisogno mensile. In crescita le fonti di produzione eolica (+41,2%), fotovoltaica (+23,4%) e termica (+13,8%). In flessione le fonti di produzione idrica (-15,9%) e geotermica (-2,9%). Per quanto riguarda il saldo import-export, il dato è in flessione del 31,1% per un effetto combinato di un aumento dell’export (+7,3%) e di una diminuzione dell’import (-25,5%). In particolare, nel mese di dicembre 2021 il mercato dell’energia ha fatto registrare fenomeni sostenuti di esportazione netta verso la frontiera Nord, raggiungendo picchi di oltre 2.000 MWh, anche per l’elevato tasso di indisponibilità del parco di generazione europeo e, nello specifico, di quello nucleare francese.

L’indice IMCEI elaborato da Terna ha fatto registrare una variazione positiva dell’1,4% rispetto a dicembre 2020 grazie alla performance dei comparti della meccanica e dei materiali da costruzione, mentre a livello congiunturale si è registrata una flessione dell’1,1% (su novembre 2021).

Su base annua, nel 2021 i consumi di energia elettrica in Italia sono tornati sostanzialmente ai valori del 2019, recuperando il forte calo fatto registrare nel 2020. Secondo i dati di Terna il fabbisogno è stato pari a 318,1 miliardi di kWh, un valore in aumento del 5,6% rispetto al 2020 e in linea (-0,5%) con i livelli pre-Covid del 2019. Le rinnovabili hanno coperto il 36% della domanda elettrica, anche in questo caso tornando sui volumi del 2019, grazie all’incremento dell’eolico e del fotovoltaico. Performance decisamente positiva dell’indice IMCEI: i dati provvisori di Terna indicano che i consumi industriali sono cresciuti del 10,5% rispetto al 2020, trainati in particolar modo dai settori della meccanica e della siderurgia. AGIPRESS

Ultima modifica ilMercoledì, 26 Gennaio 2022 11:38
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie in primo piano

Decreto aiuti-bis, il commento di sindacati medici e sanitari

Decreto aiuti-bis, il commento di sindacati medici e sanitari

"Tra le somme previste, assenti quelle destinate alla sanità".

Il primo festival letterario dedicato alla poetessa pastora Beatrice Bugelli

Il primo festival letterario dedicato alla poetessa pastora Beatrice Bugelli

La storia della poetessa analfabeta e la sua fama fra Otto e Novecento in programma sabato 6 e domenica 7 agosto a Pian degli Ontani, sulla montagna pistoiese.

Video: Agipress Channel

Speciali Agipress

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici