Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

RICERCA - A Prato un centro di sperimentazione italo-cinese

Un momento della cerimonia di stamani nella sede della Regione Toscana Un momento della cerimonia di stamani nella sede della Regione Toscana

Sarà dedicato al tessile. Stamani la firma a Firenze. I finanziamenti della Regione Toscana e dello Zhejiang

AGIPRESS - FIRENZE – E’ nato a Prato il primo centro di ricerca italo-cinese. Si chiama “Textech”, e la sua ufficializzazione la si è avuta con la cerimonia di stamani, a Palazzo Strozzi Sacrati, nella sede della Regione, a Firenze. Il centro sarà ospite all’inizio nelle stanze della Provincia, per poi trasferirsi al Creaf, la società di ricerca e alta formazione di via Galcianese, appena i locali saranno agibili. Il centro sarà finanziato per i primi tre anni con 1,2 milioni di euro: metà dalla provincia dello Zhejiang, altrettanti dalla Regione Toscana. Con una cascata di ulteriori finanziamenti che arriveranno sui singoli progetti – il primo è già stato finanziato dal ministero cinese – e ricavi previsti per oltre un milione di euro.
Il centro sarà dedicato al tessile e lavorerà su due fronti. Farà infatti ricerca su nuovi materiali e nuove fibre, migliorando i processi produttivi, cercando di risparmiare energia e riducendo l’impatto sull’ambiente. Ma offrirà anche servizi avanzati per imprese italiane e cinesi, a partire dalla certificazione dei prodotti che vengono esportati. Farà da consulente per la sicurezza e la qualità dei prodotti, dispenserà analisi economiche e di scenario monitorando le principali tendenze del settore. Si occuperà naturalmente anche di trasferimento tecnologico.
Per la firma di stamani c’erano tutti o quasi. I cinesi da una parte, guidati dall’ambasciatore in Italia Ding Wei e il console generale a Firenze Wang Xinxia, assieme rappresentanti dello Zhejiang e del mondo della ricerca; e i toscani dall’altra: Regione, Provincia, Comuni, Camera di commercio, Università ed associazioni di categoria. Naturalmente c’era anche il presidente del Creaf, la società partecipata per l’80% dalla Provincia e per il resto dai comuni del territorio che ospiterà il centro e sarà il partner tecnico per la Regione. La Provincia dello Zhejiang ha indicato come corrispettivo cinese la Whenzhou Garment Development ltd co.
Intanto già si lavora al primo progetto sul campo. Ce n’è uno in cantiere che parla di nanotecnologie e materiali avanzati: una ricerca sui tessuti non-tessuti con l’uso di microfilamenti. Il ministero della scienza e della tecnologia cinese ha già accordato 1,5 milioni. Il ministero italiano l’ha giudicato interessante. Il progetto sarà sviluppato naturalmente con coinvolgimento delle imprese del settore, pubblico e privato insieme, e vedrà collaborare da una parte i pratesi della Next Tecnology – Tecnotessile di Prato e dall’altra i cinesi della Sci – Tech University dello Zhejiang.

Agipress

 

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici