Menu
Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

GREEN ECONOMY MOTORE DI CRESCITA, PER IMPRESE E' ANTIDOTO ALLA CRISI

GREEN ECONOMY MOTORE DI C…

Un’impresa su quattr...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

INNOVAZIONE - Smart City&Big Data, nuove sfide anche in ambito finanziario

INNOVAZIONE - Smart City&Big Data, nuove sfide anche in ambito finanziario INNOVAZIONE - Smart City&Big Data, nuove sfide anche in ambito finanziario

Un evento presso la Scuola di Ingegneria di Firenze

AGIPRESS - FIRENZE - Far conoscere i servizi e le tecnologie smart city che sono state sviluppate nei settori dell’energia, dei trasporti e dell’ICT, in collaborazione con il Comune di Firenze, il Lamma (Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale per lo sviluppo sostenibile), l’Istituto di Biometeorologia del CNR. Con questi obiettivi si è tenuto nei giorni scorsi presso la Scuola di Ingegneria di Firenze un evento organizzato dal Disit Lab dal titolo “Smart City&Big Data”. Per l'occasione è stata presentata Km4City, un’App capace di fornire informazioni utili su oltre 75.000 servizi geolocalizzati a Firenze, circa 130mila in tutta la Toscana, sviluppata all’interno del Disit Lab (Distributed Systems and Internet Technology Lab) dell’Università di Firenze. L’App utilizza i dati del Comune di Firenze e della Regione Toscana, prevede quattro profili - il cittadino, il turista, il pendolare e lo studente – e una classificazione dei servizi in 500 categorie. “Km4City è un aggregatore di dati utile non solo ai singoli cittadini, ma anche ai decisori pubblici – ha spiegato Paolo Nesi ordinario di Sistemi di elaborazione delle informazioni e direttore di Disit Lab - le informazioni raccolte, attraverso una serie di strumenti, possono essere analizzate per costruire modelli di previsione e per fornire un supporto in alcune particolari situazioni. Ad esempio quando si tratta di adottare provvedimenti circa la viabilità in occasione di un grande evento o di una situazione di emergenza”.

INNOVAZIONE ANCHE IN AMBITO FINANZIARIO - Nel corso della mattinata, per Anci Toscana è intervenuta Silvia Rigacci, responsabile Area Strategica e Progetti Speciali di Anci Innovazione, che dopo essersi complimentata con l'Università per l'importante iniziativa, ha sottolineato quanto, oramai da tempo le politiche per le città siano al centro dell’Agenda dell’Unione Europea e dei governi degli Stati Membri. "Solo grazie alla tecnologia avanzata e all’innovazione - ha spiegato Silvia Rigacci - legata a sistemi integrati all’interno delle città, si potranno garantire l'evoluzione e lo sviluppo delle comunità, e anche con risparmi ingenti per le Amministrazioni Locali. A livello internazionale, vi sono esempi di successo che dimostrano concretamente che i risparmi per le amministrazioni sono molto significativi" - ha aggiunto. "Stiamo entrando in una fase nuova  - ha poi aggiunto - nella quale l’innovazione tecnologica e finanziaria dovranno giocare insieme un ruolo centrale in uno spazio concreto, quale quello delle Smart City (termine ad oggi abusato!), dove non si realizzano applicazioni esclusivamente tecnologiche ma si elaborano politiche pubbliche per le città sempre più adeguate alle nuove situazioni economiche e sociali dei territori; politiche, dunque, caratterizzate da un forte contenuto di innovazione e dall’utilizzo su larga scala dell’ingegneria finanziaria. In questo contesto i Comuni della Toscana possono giocare un ruolo importante, partendo proprio dalle grandi città che con il loro know-how e il bagaglio di esperienza in materia potranno sicuramente fungere da stimolo e guida per i Comuni più piccoli. La sfida, come vedremo, passa anche dalla creazione di nuovi modelli di finanziamento delle infrastrutture e dei beni pubblici attraverso una visione politica e istituzionale di più lungo periodo, in grado di creare contesti attraenti per gli investimenti. E un ruolo importante in questa evoluzione  - ha concluso Rigacci - dovranno averlo anche le iniziative di partenariato pubblico-privato". 

Agipress

Ultima modifica ilLunedì, 16 Novembre 2015 18:45
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici