Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

FACEBOOK - Infettati 800mila account

Facebook sotto attacco. Un malwere avrebbe infettato 800mila utenti Facebook sotto attacco. Un malwere avrebbe infettato 800mila utenti

Secondo alcuni ricercatori sulla sicurezza il malwere si sarebbe diffuso velocemente fingendo di essere un video. L'azienda: "Crediamo che solo una piccola percentuale dei nostri utenti sia stata colpita"

Almeno 800 mila account Facebook sono stati infettati da un malware diffusosi velocemente fingendo di essere un video, secondo alcuni ricercatori sulla sicurezza. Il New York Times, citando un team di ricercatori italiani sulla sicurezza, ha riportato che il malware colpisce sia l’account Facebook che il proprio browser web. Il malware appare sotto forma di link in una mail o messaggio Facebook, dicendo che una persona ci ha 'taggato' in un post. Tuttavia quando si clicca sul link, ci porta su un altro sito che richiede il download di un’altra estensione per il browser o un componente aggiuntivo. Il giornale ha riportato che il malware, dopo essere stato scaricato, può ottenere l’accesso a qualsiasi informazione l’utente abbia memorizzato sul browser, come password o informazioni personali. Carlo de Micheli, uno dei ricercatori italiani, ha raccontato al New York Times che ci sono stati 40 mila nuovi casi di attacchi ogni ora. Google ha disabilitato le estensioni del browser che abilitano l’attacco. Quest’ultimo si concentra principalmente sugli utenti del browser Chrome. Facebook ha affermato di rimuovere i link trappola immessi dal malware. «Nel frattempo abbiamo impedito alle persone di cliccare sui link e abbiamo segnalato le estensioni del browser nocive alle parti appropriate. Crediamo che solo una piccola percentuale dei nostri utenti sia stata colpita da questo problema e stiamo attualmente lavorando con loro per assicurarci che abbiano rimosso l’estensione del browser nociva», ha raccontato Michael Kirkland, portavoce di Facebook, a DailyPressDot.com.

 

Jack Philips

Epochtimes

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici