Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

AGENDA DIGITALE - Priorità nel "Decreto del Fare", ma si complicano i passaggi

Agenda Digitale nel Decreto del Fare Agenda Digitale nel Decreto del Fare

La nuova configurazione della cabina di regia, rischia di appesantire i passaggi attuativi

   

AGIPRESS - ROMA - Tra i vari contenuti presenti  nel decreto legge che prevede misure urgenti per il rilancio economico del Paese, il cosiddetto “Decreto Fare” esaminato e approvato dal Governo nei giorni scorsi, ci sono importanti novità che riguardano l’Agenda Digitale. Ma la nuova governance per l'attuazione dell'Agenda Digitale rischia di complicarsi perchè dovrà seguire ulteriori passaggi attuativi. 

1) La nuova governance

Il decreto riorganizza la governance dell’Agenda digitale. Anzitutto si ridefiniscono i compiti della cabina di regia che, presieduta dal Presidente del Consiglio o da un suo delegato, presenterà al Parlamento un quadro complessivo delle norme vigenti, dei programmi avviati e del loro stato di avanzamento, nonché delle risorse disponibili che costituiscono nel loro insieme l’agenda digitale medesima. Ma la cabina di regia prevede anche la partecipazione di un presidente di regione e di un sindaco designati dalla Conferenza unificata, che affiancheranno sei ministri: Sviluppo economico, Pa, Coesione territoriale, Istruzione, Salute ed Economia. La cabina di regia, inoltre, sarà integrata dai ministri interessati alla trattazione di specifiche questioni. E c'è di più. Nell'ambito della stessa cabina di regia, viene istituito un Tavolo permanente per l'innovazione e l'agenda digitale italiana, «organismo consultivo permanente composto da esperti in materia di innovazione tecnologica e da esponenti delle imprese private e delle università». Il tavolo è presieduto dal Commissario del governo per l'attuazione dell'agenda digitale (Francesco Caio) che sarà al tempo stesso a capo di una struttura di missione per l'attuazione dell'Agenda istituita presso la presidenza del Consiglio.

2) Le novità

•Domicilio digitale: all’atto della richiesta della carta d’identità elettronica o del documento unificato, il cittadino potrà chiedere una casella di posta elettronica certificata;

•Razionalizzazione dei Centri elaborazione dati (CED);

•Fascicolo sanitario elettronico (FSE): le regioni e le province autonome dovranno presentare il piano di progetto del FSE all’Agenzia per l’Italia digitale entro il 31 dicembre 2013. 

Entro il 31 dicembre 2014 questo sarà istituito. L'Agenzia per l’Italia digitale e il ministro della Salute dovranno valutare e approvare i progetti.

3) Wi-fi libera come in Europa

E' stata inoltre prevista la liberalizzazione dell'accesso ad Internet, come avviene in molti Paesi europei. Resta però l'obbligo del gestore di garantire la tracciabilità mediante l'identificativo del dispositivo utilizzato. L’offerta ad internet per il pubblico sarà  libera e non richiederà più l'identificazione personale dell'utilizzatore. 

Agipress

 

Ultima modifica ilGiovedì, 20 Giugno 2013 15:45
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici