Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

SCUOLA - Allarme carenza personale ATA, apertura scuole a rischio

Carenza personale Ata mette a rischio apertura scuole Carenza personale Ata mette a rischio apertura scuole

Il personale non docente non sarebbe sufficiente in tutte le scuole interessate, soprattutto quelle piccole

AGIPRESS - FIRENZE - E' allarme per la carenza del personale Ata ovvero amministrativo, tecnico e ausiliario.  L’anno scolastico è appena finito ma all'orizzonte forti preoccupazioni per la messa in funzione di diverse scuole toscane. Il personale non docente, bidelli e segreterie di scuole primarie, secondarie e di alcuni istituti superiori, potrebbe non essere sufficiente e mettere a rischio il regolare funzionamento dell’anno scolastico 2013-2014, soprattutto nelle realtà più piccole.

“Abbiamo fatto una lunga e dura battaglia per mantenere al massimo il livello delle scuole nei territori montani e adesso rischiamo di non riuscire a garantire gli stessi servizi a causa della carenza di personale Ata – commenta preoccupato Oreste Giurlani, presidente di Uncem Toscana, l’Unione dei comuni e degli enti montani -. Le notizie che ci giungono in questi giorni ci rappresentano forti rischi in tal senso. Dovremo attivarci con le rappresentanze sindacali per monitorare l’evolversi della situazione e agire per tempo”. La questione, del resto, non è nuova, anzi va avanti da tempo e nasce da una politica di tagli pesanti. Complessivamente l’organico attualmente assegnato è inferiore a quello con il quale le scuole hanno funzionato in questo anno scolastico e la situazione è aggravata dalla riduzione degli appalti di pulizia prevista nel decreto “del fare”. “In Toscana il prossimo anno scolastico inizierà l’11 settembre – sottolinea Giurlani in conclusione -. C’è da chiedersi se gli uffici siano in grado di garantire il regolare avvio delle attività didattiche. Spero proprio che i nostri timori possano essere fugati il prima possibile”.

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 04 Luglio 2013 12:34
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici