Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

LAUREA A FIRENZE: dopo un anno pagati poco ma soddisfatti. Ecco la ricerca

LAUREA A FIRENZE: dopo un anno pagati poco ma soddisfatti. Ecco la ricerca LAUREA A FIRENZE: dopo un anno pagati poco ma soddisfatti. Ecco la ricerca

Il 70% ritiene la laurea uno strumento efficace per lavorare ma il guadagno medio è di 895 euro

AGIPRESS - FIRENZE - Laureati fiorentini pagati poco ma soddisfatti: a un anno dal conseguimento del titolo più del 70% di loro ritiene la laurea uno strumento efficace per lo svolgimento della propria occupazione che però frutta un guadagno medio di 895 euro. Un livello retributivo che colloca l'ateneo di Firenze al 40esimo posto fra quelli aderenti al consorzio Almalaurea composto da 64 atenei italiani.

LO STUDIO È il risultato dello studio di Rete Sviluppo, ente di ricerca spin-off dell'Università di Firenze che ha analizzato le performance dell'Università di Firenze tramite i dati Almalaurea 2013 classificandole in base a 4 voci: posizione contrattuale, efficacia del titolo di studio per lo svolgimento del proprio lavoro, livello retributivo e grado di soddisfazione del lavoro. 

LA POSIZIONE CONTRATTUALE - "Per quel che riguarda il primo aspetto – spiegano Marco Scarselli, ricercatore di Rete Sviluppo e Francesco Schirripa  che ha collaborato allo studio - il 35,1% svolge un lavoro stabile (autonomo e dipendente a tempo indeterminato), e l’ateneo si posiziona, rispetto agli atenei più popolosi, dietro Catania e Bari e staccando Bologna (+7,3%) e Napoli (+6,6%) ed al di sopra di due punti  percentuali sulla media del collettivo indagato. Al di sotto della media è, invece, la percentuale di occupati “senza contratto” (11,9%); interessante è notare come in testa a questa classifica vi sono tre università napoletane: L’Orientale (30,9%), Parthenope (22,8%) e Federico II (21,9%); tra i più grandi atenei, i più bassi tassi di “occupati senza contratto” si rilevano per il Politecnico di Torino (8,5%) e l’Università di Bologna (9,2%)".

UNA LAUREA EFFICACE? - La quota di laureati fiorentini che ritengono la laurea efficace per svolgimento della propria occupazione è del 71,6%, in linea con quella relativa all’intero collettivo (71,2%), e con quella dei dieci atenei più grandi (71,4%). 

LA RETRIBUZIONE - Non molto elevato è, invece, il livello retributivo: l’ateneo si colloca, in questa speciale classifica, al 40° posto, ed il guadagno medio è di 895 euro, mentre la media del collettivo è di 919 euro. Di poco inferiore è invece la media relativa agli atenei con il più elevato numero di laureati, 911 euro, e nel confronto con questi, l’Università di Firenze si colloca davanti solo agli atenei “più meridionali” (La Sapienza, Catania, Bari e Napoli).

LA SODDISFAZIONE - Relativamente alla soddisfazione per il lavoro svolto le valutazioni dei laureati risultano simili per tutti gli atenei: su una scala da uno a dieci, infatti il gap tra i laureati dell’ateneo di Bolzano, che hanno manifestato il più elevato grado di soddisfazione (8,2) e quelli de L’Orientale di Napoli, i meno soddisfatti, è minore di due punti e mezzo. I laureati dell’ateneo fiorentino hanno espresso una valutazione in linea con la media generale (7).

L'OCCUPAZIONE - "Il tasso di occupazione  dei laureati fiorentini – concludono Scarselli e Schirripa – ad un anno dal conseguimento del titolo (58,9%) risulta piuttosto soddisfacente, in relazione alla media generale degli atenei appartenenti al consorzio (52,8%), e l’ateneo si colloca in 19° posizione; nel confronto con i dieci atenei più grandi è preceduto solo da quelli di Torino, Genova e Padova, che presentano quote di poco superiori al 60%, ma davanti a Bologna (+2,6%) ed a La Sapienza (+7%). Tuttavia si registra un calo degli occupati di circa il 4% rispetto alla precedente rilevazione sui laureati del 2012".

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 22 Ottobre 2014 16:55
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici