Menu
Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

La disabilità tra arte e natura: al Rifugio Valdiflora ragazzi disabili dipingono il cane in posa

Pet Therapy - Il cane riprodotto da un ragazzo disabile Pet Therapy - Il cane riprodotto da un ragazzo disabile

Una giornata dedicata alla pittura e ai cani per ragazzi con disabilità

AGIPRESS - FIRENZE - Una giornata indimenticabile per un gruppo di ragazzi diversamente abili, provenienti dalle strutture di S. Cataldo a Lucca e Le Camelie di Camaiore, che si sono cimentati nella rappresentazione pittorica di soggetti floreali ed animali. È accaduto presso il Rifugio Valdiflora di San Quirico di Pescia nel pistoiese, la struttura diretta dall’Ing. Diego Corradini, nel corso di una giornata dedicata alla pittura ed ai cani. Un  Modella d'eccezione April, un dolce e paziente border collie, adottato peraltro qualche anno fa al rifugio, che, fra una posa e l'altra, ha dispensato baci a tutti i presenti. Un'esperienza unica per i ragazzi che hanno vissuto una giornata ricca di colori, emozioni e tanti sorrisi. A fare da cornice lo splendido paesaggio naturale che la Svizzera Pesciatina offre a tutti i suoi visitatori. Il gruppo è stato seguito e coadiuvato nelle attività dall'educatrice Anna Dalle Luche e dall'operatore socio-sanitario Angelo Paceco che giornalmente sono impegnati nella cura e nell'assistenza di questi ragazzi. Dopo questa esperienza si apre il percorso che vede una serie di nuove iniziative che si terranno presso il rifugio ma anche all'interno delle strutture residenziali.  

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 30 Agosto 2016 15:30
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici