Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Al Museo Novecento lezioni di architettura aperte, i giovani incontrano docenti e opere

Al Museo Novecento lezioni di architettura Al Museo Novecento lezioni di architettura

Aperto anche a terzi che possono fruire della ricerca e della proposta didattica dell’università. CALENDARIO

AGIPRESS - FIRENZE - L’Università si trasferisce al Museo Novecento: ogni lunedì, fino al 23 novembre, Patrizia Mello, docente del Dipartimento di Architettura, presenta il ciclo Lezioni di Architettura, Firenze e le avanguardie Radicali. Progetti, azioni, super-visioni, oggetti extra. Realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Architettura, il seminario è stato presentato oggi al Museo Novecento da Valentina Gensini, curatore scientifico Museo Novecento e Cristina Giachi, vicesindaco di Firenze, con Saverio Mecca, direttore del Dipartimento di Architettura (DiDA) e Patrizia Mello, docente del Dipartimento di Architettura (DiDA).

GLI INCONTRI - L’obiettivo degli incontri è quello di esplorare la ricchezza del pensiero dei protagonisti dell’avanguardia radicale e dei loro contributi, con particolare attenzione a quelli rivolti alla città di Firenze. L’indagine prosegue attraverso l’analisi della portata teorica di tali idee in relazione al più vasto rinnovamento dei linguaggi e dei metodi progettuali sviluppatisi in quegli anni a livello internazionale; nonché la valutazione dell’impatto sulla pratica progettuale e sui processi di formazione a distanza di alcuni decenni. Tra le altre finalità, la ricostruzione del clima culturale fiorentino di quegli anni, citando personalità di rilievo attive al di fuori del campo architettonico, quali: Sylvano Bussotti, Giancarlo Cardini, Giuseppe Chiari, Pietro Grossi, Mario Mariotti, Eugenio Miccini, Alberto Moretti, Maurizio Nannucci, Lamberto Pignotti, e molti altri.

TRA GLI OSPITI del ciclo di conferenze ci saranno alcuni dei principali esponenti radicals, cominciando con Adolfo Natalini per Superstudio e proseguendo con Gilberto Corretti per Archizoom, Alberto Breschi per Zziggurat, Lapo Binazzi per UFO, Carlo Caldini per 9999, chiudendo il ciclo con Gianni Pettena e Remo Buti.

VALORE FORMATIVO CULTURALE E SOCIALE - “Con questa novità delle Lezioni di Architettura al Museo Novecento si getta ancora una luce sull’identità di Firenze – ha dichiarato Cristina Giachi -, l’identità disegnata e sognata dall’avanguardia radicale degli architetti fiorentini che tanto fecero discutere. Inoltre è bello che un museo si animi della presenza degli studenti universitari che vengono a fare lezione in un luogo dove quel tempo è testimoniato e raccontato già dalle opere nella sezione del Museo adibita. Trovo che in questo modo le Istituzioni, Università e Comune, collaborino nelle politiche culturali attuali in modo migliore possibile”. "L’incontro con il Dipartimento di Architettura, con il direttore Mecca e con la docente Mello che si occupa di seminari sperimentali - ha detto Valentina Gensini - è stato particolarmente felice perché l’Università da anni opera con attenzione ad alcuni episodi a cui il Museo Novecento per la prima volta ha voluto dare rilievo, come per esempio al grande avventura radicale. E quindi in questo senso l’idea di portare i giovani a fare lezioni aperte dove incontrano il loro docente e le opere, in un contesto diverso e per di più aperto anche a terzi che possono fruire della ricerca e della proposta didattica dell’università, è un valore sociale importante per un museo contemporaneo”.

CALENDARIO: Lunedì 12 ottobre ore 15.30, Superstudio: Adolfo Natalini; Lunedì 19 ottobre ore 15.30, Archizoom: Gilberto Corretti; Lunedì 26 ottobre ore 15.30, Zziggurat: Alberto Breschi, Lunedì 2 novembre ore 15.30, UFO: Lapo Binazzi; Lunedì 9 novembre ore 15.30, 9999: Carlo Caldini; Lunedì 16 novembre ore 15.30, Gianni Pettena; Lunedì 23 novembre ore 15.30, Remo Buti. Ingresso libero fino ad esaurimento posti (l’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale).

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici