Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Via le cassette delle lettere, ancora disagi per piano razionalizzazione Poste

Via le cassette delle lettere, ancora disagi per piano razionalizzazione Poste Via le cassette delle lettere, ancora disagi per piano razionalizzazione Poste

Il Governo invece blocca il piano di Poste che prevedeva la consegna della corrispondenza a giorni alterni

AGIPRESS - FIRENZE - Le cassette della posta sono utilizzate poco? Meglio rimuoverle. E' quanto sta succedendo nelle frazioni di Razzuolo e Madonna dei tre Fiumi nel comune di Borgo San Lorenzo doveper motivi di razionalizzazione nella dislocazione delle cassette per il ritiro della posta sono state soppresse quelle che scendono sotto un certo numero di corrispondenza imbucata.

LA PROTESTA DEI COMUNI - Così il Sindaco di Borgo San Lorenzo Paolo Omoboni: "Siamo venuti a conoscenza della possibile volontà di Poste Italiane di togliere le cassette per il ritiro della posta in alcune frazioni del territorio di Borgo San Lorenzo, al momento non ci risulta nessuna comunicazione formale, ma il nostro giudizio in merito alla decisione che potrebbe essere presa è ovviamente negativo. Si vanno a tagliare servizi e presidi in zone lontane dai centri di interesse e dal capoluogo, dove risiedono per lo più anziani e dove quindi la necessità di mantenere servizi è ancora più importante. Quali alternative ha una persona che magari non ha possibilità di spostarsi con un mezzo proprio e che vuole semplicemente inviare una lettera? Razionalizzare non può voler dire chiusura totale di un servizio. Ci opporremo con forza a questa eventuale decisione – conclude il primo cittadino – e ci stiamo muovendo nelle sedi opportune come amministrazione e di concerto con Uncem per cercare di evitare che vengano tagliati servizi importanti per le nostre frazioni”. “L'ennesima dimostrazione – afferma Oreste Giurlani Presidente di Uncem Toscana (Unione Naz. Comuni Enti Montani) - che secondo Poste le zone svantaggiate non meritano il servizio, solo perché lì la densità di popolazione è più bassa. Razionalizzazioni di orario, chiusura uffici, spedizione corrispondenza a giorni alterni e ora anche la rimozione delle cassette porteranno a gravissime conseguenze per i cittadini e per le imprese dei territori rurali e montani: basti pensare ai rischi di inceppamento e forti ritardi sulle raccomandate o su altri tipi di notifica urgente tanto per fare un esempio. Per non parlare dei mille disagi alla fascia di popolazione anziana. Come Uncem insieme ai Comuni continueremo la mobilitazione in ogni sede istituzionale e politica necessaria per far valere l'uguaglianza di tutti i cittadini sancita dalla Costituzione, i quali sono tenuti ad avere garanzia di servizi senza differenze legate al luogo in cui vivono”.

PALAZZO CHIGI INTANTO BLOCCA PIANO CONSEGNA A GIORNI ALTERNI -  Una buona notizia giunge dopo la mobilitazione dei parlamentari aderenti all'Intergruppo Parlamentare per lo Sviluppo della Montagna, di numerosi Comuni montani, dell'Uncem e dei settimanali cattolici contro il nuovo piano di distribuzione della corrispondenza a giorni alterni nei centri più piccoli e nelle aree montane presentato da Poste nei giorni scorsi.  Interviene Palazzo Chigi stoppando Poste Italiane. Rimandato, infatti, il via dopo la fine dell'anno e solo a seguito di una verifica sui volumi reali di corrispondenza che dovrà essere effettuata dall'Autorità Garante delle Comunicazione, con l'obiettivo di evitare disservizi e diminuzione della qualità. "L'importante comunicazione di Palazzo Chigi, arrivata nelle scorse ore - spiega l'on. Enrico Borghi, presidente dell'Intergruppo per lo Sviluppo della Montagna e presidente nazionale Uncem - conferma che avevamo ragione quando abbiamo denunciato che il nuovo piano di distribuzione dei Poste andava a creare diversi livelli di cittadinanza, penalizzando fortemente chi vive nelle zone rurali e montane. Sarebbe aumentato il divario con chi abita nei centri urbani, dove addirittura la corrispondenza, lettere e giornali, sarebbero arrivati due volte al giorno. Con questa sospensione decisa dal governo, si aprono le prospettive per garantire -dentro il quadro di sbarco in Borsa dell'azienda - quel diritto di cittadinanza fondamentale sancito dalla Costituzione, che esprime l'uguaglianza davanti alla legge di tutti i cittadini, previsto anche dalle norme recenti contenute negli accordi con Poste e nel Servizi postale universale. Tornare indietro rispetto a questi diritti comprometterebbero coesione e sussidiarietà che sono per noi, nel nostro Paese, fondamentali".

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 02 Ottobre 2015 14:30
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici