Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Un piccolo dono, una grande gioia

Un piccolo dono, una grande gioia Un piccolo dono, una grande gioia

I ragazzi dell'Associazione Trisomia 21 Onlus raccontano l'esperienza alla fabbrica Lindt di Zurigo.

AGIPRESS - FIRENZE - Si è dato poco concluso un concorso che aveva come premio finale un Viaggio a Zurigo con visita alla fabbrica Lindt & Sprungli per 4 persone.  Dalla Toscana, Barberino Designer Outlet ha deciso di destinare  tale premio all’Associazione Trisomia 21 Onlus. Vi proponiamo una sintesi del viaggio raccontata dai protagonisti fiorentini.

"Non sarebbe meraviglioso, Charlie, aprire una tavoletta di cioccolato e trovarci dentro un biglietto d’oro?”  Anche per noi, come nel libro “La fabbrica di cioccolato” di Roald  Dahl, il biglietto è arrivato all’improvviso, un regalo inaspettato che ci ha sorpreso come un bambino.  Io (Giuditta Ndr) e Alessandra insieme a Edoardo e Enrico, suo babbo, abbiamo avuto la possibilità, grazie all’Associazione Trisomia 21 Onlus di Firenze di cui facciamo parte, di partecipare ad una magica esperienza cioccolatosa  a Zurigo per un’iniziativa ideata da Barberino Designer Outlet… Così siamo partiti alla volta di Zurigo per andare a visitare la fabbrica di cioccolato Lindt & Sprungli.  L’organizzazione del tour è stata perfetta. Siamo stati accolti all’aeroporto di Zurigo da tutta l’equipe della Lindt e dai responsabili della catena Outlet  McArthurGlen. Alessandra era euforica, cioccolatini ovunque già in aeroporto.  I miei tentativi di frenarla sono stati vani..sperando solo che non le facessero male.. addio dieta almeno per due giorni! Insieme agli altri vincitori siamo stati accompagnati con il pullman alla fabbrica.  Una volta arrivati Alessandra è rimasta a bocca aperta. All’ingresso della fabbrica ci attendevano due bellissimi Màitre Chocolatier con due ceste enormi piene di cioccolatini LINDOR.  Non mi ha lasciato in pace finchè non le ho fatto la foto con lo “Chef “ più bello (come  lo ha chiamato lei). E’ stato affascinante e interessante vedere il lavoro che c’è dietro tutta  la produzione di uno dei migliori cioccolati al mondo. Ma il momento più bello è stato sicuramente il laboratorio per la preparazione del cioccolato a cui abbiamo partecipato. Ci hanno fatto indossare a tutti la divisa del Màitre Chocolatier …e.. con la musica di sottofondo.. come in sogno… hanno aperte le porte di quella che sembrava la sala più grande mai vista. Alessandra si è emozionata tantissimo… abbiamo scelto il tavolo  e insieme al Màitre Chocolatier abbiamo creato la nostra tavoletta  e le praline di cioccolato Lindt. Alessandra è stata bravissima, ha decorato  le sue praline con mandorle, piccole gocce di cioccolato fondente e  un pizzico di cioccolato bianco.  Per finire in bellezza ci hanno consegnato a tutti delle fantastiche confezioni con una targhetta con il nostro nome per poter portarci a casa le nostre creazioni cioccolatose… Io e Alessandra non eravamo mai state a Zurigo, è stata un esperienza fantastica e unica, mancavano solo gli Humpa Lumpa! Durante in viaggio di ritorno in aereo Ale mi ha detto : “ Giudi questi due giorni da sorelle sono stati davvero indimenticabili.. è stata un’esperienza che mi ha fatto gioire il cuore... Però non diciamo alla mamma quanti cioccolatini ci siamo mangiate!!!”. Ogni tanto i biglietti d’oro arrivano quando non ti aspetti…".

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici