Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

TURISMO - Confcommercio Toscana sulla pubblicità del parco divertimenti Liseberg di Goteborg, in Svezia. "Toscana e Italia enormi parchi divertimento naturale"

Lo sport del parco divertimenti di Liseberg Lo sport del parco divertimenti di Liseberg

Nardin “Intensificare e approfondite le azioni di promozione turistica”

       

AGIPRESS - "Italia e Toscana non temono il confronto con luoghi ben più attraenti, figuriamoci se possono essere accostati a un parco di divertimenti”, così commenta il direttore di Confcommercio Toscana Andrea Nardin sulla pubblicità del parco divertimenti Liseberg di Goteborg, in Svezia, con le sue immagini di bambini che piangono perché "costretti ad andare in vacanza in Italia".

"L'episodio - continua Nardin - rafforza piuttosto la nostra convinzione che vadano intensificate e approfondite le azioni di promozione turistica, con la creazione di prodotti adatti a diverse esigenze. Tra queste quelle dei bambini, visto che il mercato delle famiglie con figli è sicuramente consistente. Sto pensando a piste ciclabili nelle città dove è possibile realizzarle, a spazi verdi puliti e sicuri, a menu appositi nei ristoranti, a facilitazioni per i neonati nei pubblici esercizi".

E sui pubblici esercizi Aldo Cursano, presidente regionale FIPE, afferma: "La Toscana è baby friendly a partire dall'alimentazione: prodotti freschi e di qualità, piatti semplici e gustosi che vengono sempre apprezzati anche dai piccoli ospiti della nostra Regione. Dobbiamo insistere sulla autenticità dei nostri sapori e sul fatto che venire in Toscana significa anche fare un viaggio nella storia, nell'arte e nella natura, ma anche nell'alimentazione sana".

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 03 Maggio 2013 15:50
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici