Menu
Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Tra infermieri e Regione Toscana un confronto permanente

Tra infermieri e Regione Toscana un confronto permanente Tra infermieri e Regione Toscana un confronto permanente

Per analizzare tutte le problematiche legate alla professione e gli obiettivi di crescita dell'intero sistema sanitario che ad essa sono legate.

AGIPRESS - FIRENZE - Tra infermieri e Regione Toscana un confronto permanente per analizzare, anche attraverso tavoli tematici, tutte le problematiche legate alla professione e gli obiettivi di crescita dell'intero sistema sanitario che ad essa sono legate. E' questo il risultato del confronto tra i presidenti degli Ordini delle professioni infermieristiche della Toscana, coordinati dal presidente di Arezzo Giovanni Grasso, l'assessore regionale alla sanità Simone Bezzini, il direttore della Direzione sanità Federico Gelli, il dirigente infermieristico con delega all'innovazione organizzativa Paolo Zoppi e la coordinatrice dello staff della Direzione sanità dirigente Monica Marini. Base del confronto è stata la lettera inviata dagli ordini ai vertici regionali con la quale venivano sollecitati interventi e investimenti sulla professione partendo dal presupposto che, come recita il documento, “pochi infermieri significa fare poca salute poca prevenzione e poca assistenza individuale”. Il documento è stato recepito e analizzato punto per punto, partendo anche da quella che è la situazione economica attuale della Regione, chiedendo collaborazione ai livelli nazionali per far comprendere che il sistema sanitario va preservato attraverso l'assegnazione delle giuste risorse. L'Assessorato si è anche impegnato ad attivare un calendario di incontri cadenzati con gli Ordini professionali della Toscana ed a istituzionalizzare tavoli di confronto su tematiche specifiche coordinati dal dirigente infermieristico Paolo Zoppi. Particolare attenzione è stata dedicata ad alcune richieste avanzate con forza dagli Ordini quali il presidio e la riattivazione dell'osservatorio delle professioni, il governo clinico, la cabina di regia sull'infermiere di famiglia e comunità e il comitato etico regionale. AGIPRESS

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici