Menu
Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

TOSCANA - Immigrazione e integrazione, un accordo per formazione e diffusione buone pratiche

TOSCANA - Immigrazione e integrazione, un accordo per formazione e diffusione buone pratiche TOSCANA - Immigrazione e integrazione, un accordo per formazione e diffusione buone pratiche

 Tra il Consorzio MC Multicons e il Circolo Legambiente Empolese Valdelsa

AGIPRESS - FIRENZE - Formare i migranti e mettere a disposizione della comunità competenze, conoscenze e buon esempio. Sono alcune delle azioni volte all’integrazione dei migranti ospiti nei Centri di Accoglienza dell’Empolese, per cui il Consorzio MC Multicons e il Circolo Legambiente Empolese Valdelsa hanno sottoscritto nei giorni scorsi un accordo per avviare un progetto di formazione presso l’officina “Ciclofficina”. Il progetto prevede che un Ospite dei Centri di Accoglienza, a rotazione, sia formato nelle operazioni di riparazione e assemblaggio di biciclette affiancando così i soci volontari del Circolo, nell’offrire agli abitanti della zona la possibilità di ripararsi gratuitamente la propria bici. I migranti così formati, riproporranno tale servizio a favore degli altri Ospiti dei Centri, sensibilizzando i compagni verso il miglior comportamento in sicurezza nella circolazione stradale. In questa ottica, il progetto cercherà anche di costruire percorsi di integrazione mediante la partecipazione a iniziative che si svolgono sul territorio e di sensibilizzare la cittadinanza sulla realtà dei richiedenti asilo al fine di facilitare la conoscenza reciproca e l’integrazione.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici