Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

TERREMOTO - Lunigiana e Garfagnana, più di mille hanno dormito fuori di casa

Una palestra per passare la notte fuori casa per la paura del terremoto in Garfagnana Una palestra per passare la notte fuori casa per la paura del terremoto in Garfagnana

Sono i dati della Protezione civile regionale. Circa 200 gli “sfollati”, 500 le case inagibili

AGIPRESS – FIRENZE - Il bilancio della Protezione civile regionale toscana sulle conseguenze del sisma in Garfagnana e Lunigiana nelle ultime ore, soprattutto nella giornata di ieri, domenica 30 giugno. In Garfagnana, nella notte tra domenica e lunedì sono state ospitate nelle strutture della Protezione civile 680 persone che non se la sono sentita di dormire nelle proprie case. In base alle verifiche in corso sugli immobili condotte dalle squadre dei tecnici le case dichiarate inagibili sono 165, mentre sono 70 le persone ufficialmente sfollate, che non possono rientrare nelle loro case in base alle ordinanze dei sindaci (la discrepanza nei numeri è dovuta al numero di case vuote o seconde case nella zona). In Lunigiana, nella notte tra domenica e lunedì, sono state 384 le persone ospitate nelle strutture della Protezione civile. Le case dichiarate inagibili in seguito alle verifiche effettuate assommano a 241, e per altre 100 sta per essere notificata l’ordinanza di inagibilità. 135 sono invece le persone da considerarsi “sfollate”. (Anche qui una discrepanza numerica da ricondursi alla presenza di case vuote o seconde case).


Agipress

 

Ultima modifica ilMartedì, 02 Luglio 2013 16:33
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici