Menu
Alzheimer, dalla ricerca nuove speranze

Alzheimer, dalla ricerca …

FDA approva l'antico...

Pesticidi, attenzione a quello che mangiamo

Pesticidi, attenzione a q…

Legambiente: solo il...

Lotta ai tumori, al via il progetto Umberto

Lotta ai tumori, al via i…

Una Piattaforma cong...

Italia in balìa della crisi climatica, allarme piogge abbondanti al sud e fiume Po ridotto a torrente

Italia in balìa della cri…

Il Meridione ha baci...

6 dipendenti su 10 della PA a rischio burnout

6 dipendenti su 10 della …

Una ricerca rivela c...

Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Tariffe, la lunga stangata del 2023

Tariffe, la lunga stangata del 2023 Tariffe, la lunga stangata del 2023

Rincarano carburanti, pedaggi, trasporti e bus.

AGIPRESS - Mettersi in sella a una bicicletta per gli spostamenti quotidiani, non salverà nessuno dall’aumento del prezzo dei carburanti. Una scelta ecologica che farà bene all’ambiente ma che non metterà al riparo dal rincaro generalizzato di beni e servizi. La decisione del governo di non rinnovare il taglio delle accise, ha già innescato una serie di effetti a caduta che peseranno sulle famiglie italiane per oltre duemila euro nel 2023. Per la precisione, secondo le stime delle associazioni dei consumatori, la stangata per le famiglie si aggirerà intorno ai 2.400 euro. Sembra una tempesta perfetta quella che si è scatenata sul sistema trasportistico, con l’aumento dei carburanti, dei pedaggi autostradali e del trasporto pubblico locale. Ma andiamo per ordine. 

CARBURANTI - Il governo Meloni ha scelto di non prorogare il taglio delle accise sui carburanti e il prezzo alla pompa è già schizzato di circa 20 centesimi al litro, tornando sui livelli di marzo dello scorso anno, quando si constatavano i primi effetti del conflitto in Ucraina.

PEDAGGI - Sono aumentati del 2%, dal primo gennaio su tutte le arterie autostradali di competenza di Autostrade per l’Italia, che ha annunciato ritoccherà i prezzi di un ulteriore 1,34% dal primo luglio, proprio all’inizio degli esodi estivi.

TRASPORTO PUBBLICO - Aumentano i biglietti, da nord a sud, con rincari che variano dai 10 ai 50 centesimi. A Napoli il biglietto è già salito da 1 a 1,20 euro mentre Milano si appresta a passare dai 2 euro ai 2,20 il 9 gennaio, proprio con la ripresa della scuola. A marzo il biglietto del bus a Foggia passerà dai 90 centesimi di adesso a un euro, mentre Roma annuncia che ad agosto l’aumento sarà addirittura del 33%, portando il costo del biglietto dall’attuale euro e cinquanta ai due euro.

BENI E PRODOTTI - Se si considera che l’utilizzo di carburanti e autostrade sono alla base di qualsiasi catena distributiva di beni e servizi, i prezzi al consumo sono destinati a aumentare tutti.

(di Luca Lari)

AGIPRESS

 

Ultima modifica ilMartedì, 03 Gennaio 2023 11:08
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici