Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Supercoppa italiana in Arabia Saudita, Costalli (MCL): "Sconcertante, un Paese senza diritti"

Supercoppa italiana in Arabia Saudita, Costalli (MCL): "Sconcertante, un Paese senza diritti" Supercoppa italiana in Arabia Saudita, Costalli (MCL): "Sconcertante, un Paese senza diritti"

Il Presidente del Movimento Cristiano Lavoratori Carlo Costalli, commenta la decisione assunta dai vertici calcistici.

AGIPRESS - ROMA - “Va bene che si lavori per l’integrazione, per il dialogo interreligioso, per il superamento dei muri di incomunicabilità fra i popoli; va bene che in questo contesto lo sport sia uno dei volani più immediati, ma la decisione della nostra serie A e della General Sports Authority (Gsa) di far giocare la prossima supercoppa italiana in Arabia Saudita lascia francamente esterrefatti”: così in una nota il Presidente del Movimento Cristiano Lavoratori Carlo Costalli, commenta la decisione assunta dai vertici calcistici.

“Una scelta che lascia perplessi soprattutto ove si consideri che appena qualche mese fa la nazionale di calcio argentina si era rifiutata di giocare un’amichevole con Israele - che avrebbe dovuto tenersi a Gerusalemme - per non avallare de facto il riconoscimento della sovranità israeliana, specie dopo la scelta di Trump di spostare proprio a Gerusalemme la sede dell’ambasciata americana”, ha continuato Costalli.

“E così, se Gerusalemme è stata rifiutata per superiori ragioni politiche, oggi ci troviamo di fronte a una scelta ben più sconcertante: quella di disputare in un Paese oscurantista la sfida tra Juventus e Milan. Nessuna remora dai nostri vertici calcistici e politici per il fatto che l’Arabia Saudita sia un Paese dove le donne non hanno diritti, dove la polizia religiosa di fatto esercita il buono e il cattivo tempo con poteri di vita e di morte. Nulla hanno da dire i nostri, evidentemente, su un Paese che esprime una società fuori dalle logiche democratiche e di eguaglianza. Nulla da dire neanche sui bavagli imposti alla stampa. Ora va tutto bene per questa politica dissennata che non risparmia neanche il mondo dello sport”, ha concluso Costalli.

Agipress

Ultima modifica ilLunedì, 29 Ottobre 2018 22:21
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici