Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Stop alla macellazione nel carcere di Gorgona, 600 animali salvi

Stop alla macellazione nel carcere di Gorgona, 600 animali salvi Stop alla macellazione nel carcere di Gorgona, 600 animali salvi

L'annuncio del sottosegretario alla Giustizia Vittorio Ferraresi.

AGIPRESS - "Come promesso, abbiamo raggiunto un grande obiettivo: nessun animale verrà più macellato nell’isola di Gorgona". Con queste parole il sottosegretario alla Giustizia, Vittorio Ferraresi, ha annunciato la firma a Livorno del Protocollo d’intesa fra Ministero della Giustizia, Comune di Livorno, LAV e Parco dell’Arcipelago Toscano. "In questo modo – ha spiegato Ferraresi in una nota – cessa l’attività del mattatoio interno alla Casa di reclusione di Livorno Gorgona e verrà salvata la vita di quasi 600 animali fra vitelli, maiali, conigli, capre, pecore, galline e cavalli. La LAV si occuperà di trovare una casa a circa 450 animali, mentre quelli che resteranno sull’isola saranno curati dai detenuti". "Ho fortemente voluto questo accordo – conclude Ferraresi - e mi sono impegnato in prima persona per portarlo a termine, anche recandomi sull’isola lo scorso giugno. Non abbiamo solo salvato la vita degli animali, ma abbiamo anche reso un servizio ai detenuti che, d’ora in poi, potranno occupare il proprio tempo in modo non violento e utile anche per il periodo successivo alla detenzione: attività con animali, agricole e programmi di turismo eco compatibile, che saranno portate avanti sull'isola".

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici