Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

SPORT E SOCIALE – Il carcere di Sollicciano apre le porte al rugby

"Rugby in carcere, la meta è oltre" è il progetto al quale hanno lavorato diversi soggetti dello sport, che verrà avviato nel carcere di Sollicciano, a Firenze, sulla scia di esperienze già sperimentata in altre realtà penitenziarie "Rugby in carcere, la meta è oltre" è il progetto al quale hanno lavorato diversi soggetti dello sport, che verrà avviato nel carcere di Sollicciano, a Firenze, sulla scia di esperienze già sperimentata in altre realtà penitenziarie

Un progetto al quale hanno lavorato diversi soggetti dello sport, col patrocinio del Comune di Firenze e della Regione Toscana. L'iniziativa già sperimentata in altre realtà penitenziarie

 

AGIPRESS - FIRENZE - "Rugby in carcere: la meta è oltre", questo il nome del progetto creato dal CSI, Centro Sportivo Italiano e dall'Opera Madonnina del Grappa con la collaborazione della Società Firenze Rugby 1931 e la FIR, Federazione Italiana Rugby, per avviare i detenuti del carcere di Sollicciano di Firenze alla pratica del rugby. Al progetto hanno dato il proprio patrocinio sia la Regione che il Comune di Firenze.

L'iniziativa, che ricalca esperienze analoghe già avviate in altre strutture penitenziarie in Italia (in Toscana ci sono ad esempio Porto Azzurro e la Casa Circondariale La Dogaia di Prato), è stata presentata stamattina nel corso di una conferenza stampa organizzata a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sede della presidenza regionale. Oltre alla vicepresidente Stefania Saccardi sono intervenuti, tra gli altri, il presidente del Comitato CSI di Firenze Roberto Posarelli, il Consigliere nazionale FIR responsabile dei progetti su rugby e carcere Stefano Cantoni, il cappellano del carcere di Sollicciano Don Vincenzo Russo, il consigliere di Firenze Rugby 1931 Francesco Gramegna, il delegato provinciale per il Consiglio Nazionale Coni nonché presidente del Consiglio Comunale di Firenze Eugenio Giani ed il presidente di Laboratorio Sportivo Claudia Cavaliere.

Firenze Rugby 1931 seguirà la parte tecnica mentre quella progettuale sarà affidata a Laboratorio Sportivo. L'attuazione di 'Rugby in carcere: la meta è oltre' all'interno del carcere di Sollicciano avverrà secondo alcune tappe. La prima prevede l'organizzazione di una partita di rugby, tra due squadre di alto livello, all'interno della struttura penitenziaria, con l'obiettivo di presentare il progetto e suscitare curiosità ed interesse tra i detenuti. Successivamente, raccolte le adesioni, prenderanno il via gli allenamenti: la frequenza sarà stabilita in base alle regole organizzative di Sollicciano. Una volta che i detenuti avranno appreso le basi saranno organizzate partite esterne, con realtà toscane e fiorentine. Contemporaneamente i detenuti saranno coinvolti in attività collaterali, come proiezioni di film e visioni di partite importanti. Una costante attività di monitoraggio permetterà agli organizzatori di valutare l'efficacia del progetto ed i correttivi da apportare. Rilevante sarà anche la capacità di sviluppare relazioni e partnership con società fiorentine e toscane di rugby.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici