Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

SONDAGGI - La crisi si ripercuote sulle mance, gli Italiani i meno propensi a lasciare un extra

Gli italiani e la mancia Gli italiani e la mancia

Tra i viaggiatori dello stivale poco più di 1 su 5 lascia sempre una mancia, ma per il 58% la colpa è della crisi economica

       

AGIPRESS - La crisi colpisce anche il galateo: in Italia non si lasciano più ,mance. E’ quanto emerge da un sondaggio di TripAdvisor® che ha coinvolto circa 7.000 viaggiatori europei di cui oltre 1.100 italiani. L’indagine, volta a capire le abitudini dei viaggiatori in fatto di mance, ha messo in evidenza la tendenza degli italiani a non lasciare la mancia come abitudine, un po’ per un fatto di cultura e un po’ per colpa della crisi economica. I viaggiatori nostrani sono poco propensi a lasciare mance, solo poco più di 1 su 5 (23%) ha infatti dichiarato di lasciare sempre un extra per il servizio offerto da hotel e ristoranti. Un terzo rispetto ai viaggiatori tedeschi per i quali la mancia è una prassi consolidata nel 69% dei casi. Inoltre, dall’indagine è emerso che gli italiani non solo sono i meno inclini a lasciare una mancia ma sono anche i più inclini a non lasciarla (11%). 

Se da una parte la mancia non è una consuetudine tipicamente italiana, dall’altra la situazione economica attuale è risultata essere un fattore aggravante. Quasi un italiano su 3 (58%), infatti, ha dichiarato che la crisi lo ha spinto a ridurre o eliminare del tutto le mance. E sebbene anche gli altri Paesi intervistati abbiano a loro volta registrato una simile influenza, è l’Italia la nazione che più di tutte ha accusato il colpo, seguita da Spagna (54%), Russia (37%), Francia (35%), Regno Unito (31%) e Germania (21%).

Il sondaggio TripAdvisor sulle mance in vacanza è stato condotto dal 3 al 23 maggio 2013 su 6.964 viaggiatori Europei, di cui 2.200 Inglesi, 1.017 Francesi, 1.142 Italiani, 679 Tedeschi, 721 Spagnoli e 1.035 Russi. Le medie ponderate relative ai dati europei sono state ottenute tenendo conto del numero di intervistati per ogni Paese partecipante al sondaggio.

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 04 Giugno 2013 13:01
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici