Menu
Autismo, fondamentale diagnosi precoce

Autismo, fondamentale dia…

I primi segnali si m...

Alzheimer, dalla ricerca nuove speranze

Alzheimer, dalla ricerca …

FDA approva l'antico...

Pesticidi, attenzione a quello che mangiamo

Pesticidi, attenzione a q…

Legambiente: solo il...

Lotta ai tumori, al via il progetto Umberto

Lotta ai tumori, al via i…

Una Piattaforma cong...

Italia in balìa della crisi climatica, allarme piogge abbondanti al sud e fiume Po ridotto a torrente

Italia in balìa della cri…

Il Meridione ha baci...

6 dipendenti su 10 della PA a rischio burnout

6 dipendenti su 10 della …

Una ricerca rivela c...

Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Si fa violenza anche senza botte o armi

Si fa violenza anche senza botte o armi Si fa violenza anche senza botte o armi

Il commento di Ranieri Razzante.

AGIPRESS - Chiunque, con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa è punito con la reclusione fino a quattro anni. È l'art. 610 del codice penale, che viene contestato ai presunti attivisti (attivista è persona seria che, pacificamente, si batte per una giusta causa) che hanno "censurato" la Ministra della famiglia al Salone del libro. Si fa violenza anche senza botte o armi, ma impedendo l'espressione del pensiero. Così hanno fatto gli attivisti di Ultima generazione, gli eco-terroristi che ci propongono una nuova forma di eversione alle regole della democrazia. Si sporcano e deturpano beni pubblici,  pagati da tutti, costringendo gli italiani a "subire", come recita l'art 610 stesso, costi e disagi. 

È uno strano mondo. Politici e intellettuali schierati danno la colpa alla Ministra: è stata lei a "provocare" andando lì, non chi l'ha osteggiata. E i nostri giovani d'assalto, terrore dei monumenti e dei beni della collettività? Beh, loro danno la colpa a chi causa temporali e cambi di clima, cioè Dio - per chi ci crede - o la natura. C'è un problema di variazioni inusuali del clima? Certo, ma non le risolve un po' di vernice nella Fontana di Trevi. Mi spiace,  non saremo mai d'accordo. E non credo retorico rimandarvi, cari "contestatori", ai nostri amici e fratelli emiliano-romagnoli, che contro la "violenza" della natura non hanno fatto proclami e chiacchiere a vuoto. Stanno spalando fango: aiutateli e aiutiamoci. Il resto non ha diritto di cittadinanza. AGIPRESS 

Prof. Avv. Ranieri Razzante Docente di Tecniche di gestione dei rischi di riciclaggio - Università di Bologna, Docente di Tecniche e regole della cybersecurity - Università Suor Orsola Benincasa, Direttore Centro di Ricerca su Sicurezza e Terrorismo.

Ultima modifica ilMartedì, 23 Maggio 2023 12:35
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici