Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Rompere il muro sociale dell'Alzheimer attraverso l'arte e i musei

Rompere il muro sociale dell'Alzheimer attraverso l'arte ed imusei Rompere il muro sociale dell'Alzheimer attraverso l'arte ed imusei

Giornata di studio internazionale a Palazzo Strozzi

AGIPRESS - FIRENZE - È possibile creare modi nuovi per comunicare con le persone che soffrono di Alzheimer e con le loro famiglie, offrendo loro al contempo possibilità di esprimersi. Lo dimostra la sperimentazione che da due anni a questa parte viene condotta presso la Fondazione Palazzo Strozzi e il Museo Marino Marini di Firenze, entrambi accreditati dalla Regione Toscana. Si tratta rispettivamente del progetto "L'arte tra le mani e di quello A più voci" cui oggi è dedicata una giornata di studio internazionale a Palazzo Strozzi per studiare un concetto di accesso inteso come accoglienza e cortesia più che palette indicative, come ha sottolineato il direttore generale della Fondazione James M. Bradburne.

MUSEI LUOGHI DI OFFERTA SOCIALE - "Quale rapporto va creato tra luoghi della cultura e società e bisogni sociali? L'Alzheimer appare malattia antisociale per definizione - ha sottolineato l'assessora regionale alla cultura Sara Nocentini portando il saluto della Regione ai partecipanti provenienti da diversi Paesi europei e anche dagli Usa -, ma a noi corre l'obbligo di offrire un percorso sociale di espressione ai malati per alleviare l'isolamento loro e delle loro famiglie. I musei sono luoghi perfetti di offerta sociale se esiste la competenza per farlo;ma competenza significa formazione per chi opera. La Regione ci crede tanto da avere già accantonato per il 2015 i fondi necessari a rafforzare le azioni utili a consentire la crescita di questo sistema. Dobbiamo un grazie per questo al lavoro di qualità fatto insieme ai musei Strozzi e Marini e a tutti gli altri accreditati". "Non ho timore di parlare rispetto a questi progetti di una eccellenza di governo in Toscana. Sperimentazioni e buone pratiche, come quelle di cui si parla qui oggi, sono modelli da replicare e inserire nel dibattito, talvolta tanto acceso quanto sterile, aperto sulla valorizzazione del sistema museale. La Regione – ha concluso l'assessora Nocentini - si esprime in proposito con quella voglio definire una grande innovazione, una buona pratica che mi auguro sapremo riproporre anche altri occasioni. Il nostro obiettivo è andare avanti alimentando la capacità di guidare queste operazioni da parte delle istituzioni con attenzione a tutti i soggetti coinvolti e fare davvero delle sedi museali luoghi di socialità".

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici