Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

RICERCA SCIENTIFICA - Identificati i primi 3 genomi completi dei virus isolati all'Ospedale Sacco

RICERCA SCIENTIFICA - Identificati i primi 3 genomi completi dei virus isolati all'Ospedale Sacco - foto archivio RICERCA SCIENTIFICA - Identificati i primi 3 genomi completi dei virus isolati all'Ospedale Sacco - foto archivio

AGIPRESS - Il lavoro è stato svolto dal gruppo di Università Statale di Milano e Ospedale Sacco, coordinato da Gianguglielmo Zehender, Claudia Balotta e Massimo Galli, lo stesso che ha portato a termine l’isolamento di 3 ceppi di coronavirus COVID19 dei ceppi attualmente circolanti nell’area di Codogno. L’analisi filogenetica dei primi 3 genomi completi, ottenuti dagli isolati Italiani di SARS-CoV-2 circolanti in Lombardia e sequenziati al Sacco il 27 febbraio, ha dimostrato che risultano essere inclusi in un unico cluster di genomi isolati in altri paesi Europei (in particolare in Germania e Finlandia) e in paesi dell’America Centrale e Meridionale, oltre che all’isolato italiano recentemente pubblicato dall’ISS eed ottenuto nell’area del Lodigiano. L’analisi conferma comunque l’origine cinese dell’infezione. La stima preliminare del tempo di origine di questo cluster corrisponde ad un periodo che precede di diverse settimane il primo caso evidenziato in Italia il 21 febbraio. L’analisi in corso di ulteriori genomi consentirà di ottenere stime più precise sull’ingresso del virus nel nostro Paese e sulle possibili vie di diffusione.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici