Menu
Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

POLITICA – Protesta delle province, scuole e strade a rischio

UPI nazionale UPI nazionale

 I presidenti delle Province italiane si ritroveranno lunedì 29 aprile a Roma per dire no ai tagli e per invocare l’allentamento del patto di stabilità. Lo ha annunciato oggi il presidente dell’Upi Antonio Saitta, nel corso di un incontro con tutti i presidenti delle Province che si è svolto nella sede fiorentina dell’Unione delle province Toscane.

   

AGIPRESS - “I tagli imposti dal governo alle Province non rappresentano semplicemente una questione ragionieristica – ha spiegato Saitta - ma significano, in concreto, una riduzione dei servizi ai cittadini. Ad esempio: lunedì parleremo chiaramente della questione che riguarda l’edilizia scolastica.  Questi edifici sono sottoposti al rispetto di norme severe e subiscono frequenti controlli da parte dell’autorità, ma alle Province sono stati tolti i finanziamenti necessari per intervenire in modo adeguato. A questo punto, se restano i tagli e se restano i vincoli dettati dal patto di stabilità, non ci prenderemo più la responsabilità di quello che può accadere nelle scuole. Stessa sorte a breve avverrà anche per le strade”.

Sullo stesso tono l’intervento di Andrea Pieroni, presidente di Upi Toscana: “Oltre alle scuole non saremo in grado di portare avanti le politiche del lavoro e della formazione, non potremo garantire la manutenzione alle strade e non saremo in grado di fare interventi a difesa del territorio. Stiamo spendendo adesso le ultime risorse per far fronte alle calamità che sono derivate da un inverno pesantissimo. Se non arriverà un significativo allentamento del patto di stabilità e se non verranno ridotti i tagli alle Province, non potremo più garantire queste funzioni fondamentali”.

Agipress 

Ultima modifica ilMercoledì, 24 Aprile 2013 18:01
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici