Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

PARTECIPAZIONE SOCIALE - Un progetto per aiutare le fasce deboli

PARTECIPAZIONE SOCIALE - Un progetto per aiutare le fasce deboli PARTECIPAZIONE SOCIALE - Un progetto per aiutare le fasce deboli

Un'iniziativa per raccogliere e assegnare risorse e garantire uno status di vita dignitoso

AGIPRESS - ROMA - Presso la Sala Conferenze Stampa della Camera dei Deputati, si è svolta la presentazione nazionale del Progetto d’intervento Sociale denominato “Un Centesimo per il Sociale”, promosso dall’Associazione onlus F.I.A.S (Fondazione Internazionale Assistenza Sociale), con l’obiettivo di realizzare un grande progetto di partecipazione sociale in grado di raccogliere e assegnare risorse da destinare alle fasce più deboli, garantendo loro uno status di vita dignitoso.

Ad aprire i lavori è intervenuta la Vicepresidente F.I.A.S, Nadia Gagliardi Coja, illustrando i fondamenti dell’iniziativa che quest’oggi ha compiuto il suo primo passo ufficiale: “Il presupposto di questo progetto si basa sulla valorizzazione del patrimonio etico fondato sulla sacralità della persona e dei suoi diritti, sulla pari dignità umana agendo reciprocamente in uno spirito di solidarietà”. “Per la totale trasparenza e tracciabilità dei fondi raccolti - ha sottolineato Rocco Milano, Responsabile dei Rapporti istituzionali e delle Politiche Sociali F.I.A.S - la Fondazione ha al suo interno due organi di controllo: quello di garanzia e quello dei revisori legali dei conti a tutela della sua attività e del progetto”.

“Siamo contenti che oggi oltre a lanciare un sistema di pagamento, partecipiamo all’iniziativa che è anche un forte contributo sociale - ha dichiarato Walter Pinci, Responsabile dei Sistemi di pagamento BancoPosta del Gruppo Poste Italiane - il primo che si concretizza attraverso una carta dedicata emessa in cobranding con F.I.A.S. Questa carta - aggiunge il Dr.Pinci - potrà essere uno strumento e un’opportunità per tutti coloro, circa dieci milioni di italiani, che non possono avere o non possiedono un conto corrente”.

Della stessa idea il Dg. della Direzione Generale  del Terzo Settore, Formazioni Sociali  del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Danilo Giovanni Festa: “Apprezziamo questa iniziativa di raccolta fondi che viene a supportare le amministrazioni, nel tentativo di ridurre la fascia di povertà che purtroppo negli ultimi anni si è allargata moltissimo”. 

Durante i lavori si è parlato anche delle iniziative culturali che si svolgeranno sul territorio italiano. Tema caro ad Adriano Coni, Responsabile Sostenibilità Segretariato Sociale – Comunicazione e Relazioni esterne Rai, che ha tenuto a sottolineare come “la Rai segue con molta attenzione il vasto e complesso mondo del non profit;  dell’intero progetto F.I.A.S ci hanno colpito le iniziative culturali ed editoriali in grado di far riscoprire le realtà locali del nostro paese, avvicinare i giovani all’arte, alle culture locali, alla musica e al cinema generando, quindi, un nuovo indotto economico”. Antonella Salvucci, attrice e testimonial del progetto ha poi aggiunto: “Si dice che è dovere degli artisti mettersi a disposizione di una nobile causa; oggi, io sono convinta che tutto il mondo dell’arte e della cultura si possa mobilitare per sensibilizzare l’opinione pubblica. Questa carta – continua - apre una nuova era che si chiama “Sociale”, un nuovo corso della storia. Io ci ho creduto, crediamoci tutti”.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici