Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

MOVIDA – Pistoia sigla il primo codice di autoregolamentazione in Toscana

Un  momento della conferenza stampa sul codice di autoregolamentazione per la "movida" pistoiese Un momento della conferenza stampa sul codice di autoregolamentazione per la "movida" pistoiese

Steward per far rispettare quiete e decoro, regolatori del rumore e molto altro nell'impegno assunto dagli esercenti del centro storico. Il risultato dopo una lunga trattativa fra commercianti, residenti e Comune

   

AGIPRESS – PISTOIA - E' il primo tentativo di regolamentare la "Movida" notturna nel suo genere in Toscana quello presentati stamani in palazzo comunale, a Pistoia. Si tratta di un codice di autoregolamentazione dei locali del Comparto Sala, nel quale sono ricomprese anche via Roma, via Cavour e via degli Orafi, ovvero il cuore della città. Di fatto la conclusione di una trattativa promossa dal Comune insieme ai commercianti e ai residenti del centro storico. Il tentativo è ridurre al massimo quelli che il sindaco, Samuele Bertinelli, ha chiamato "effetti collaterali", che creano non pochi disagi ai residenti "che hanno tutto il diritto di vivere e dormire tranquillamente". Nessuna ordinanza per creare regole e divieti, "una strada che non ha funzionato da nessun aparte", ha sottolineato Bertinelli, ma, appunto, un'autoregolamentazione. Due le principali novità: l'utilizzo di alcuni "steward" assunti dai locali, una sperimentazione che durerà fino alla fine dell'anno, che dovranno assicurare, almeno nella fascia oraria più critica, dalle 23 alle 3 per le serate di venerdì, sabato e prefestivi, un adeguato servizio di vigilanza, e l'installazione di un sistema di monitoraggio dell'impatto acustico con alcune centraline di misurazione fisse, con un led luminoso che si accenderà ogniqualvolta venga superata la soglia critica della rumorosità. Ma non è tutto. Il codice prevede che i locali si impegnino, entro 15 minuti dalla cessazione della somministrazione, a rimettere a posto le pertinenze esterne e a pulire, entro un’ora dalla chiusura, tutto il suolo pubblico;  dalle 22 alle 6 sarà vietata la vendita per asporto di bevande alcooliche e di qualsiasi tipologia di drink in contenitori di vetro o latta; quanto, infine, agli orari di apertura e chiusura, nel periodo invernale (dal 1 ottobre al 30 aprile) il venerdì, il sabato e i prefestivi chiuderanno alle 2, mentre gli altri giorni alle 1; nel periodo estivo chiuderanno invece alle 2 il giovedì, il venerdì, il sabato e i prefestivi, e alle 1 gli altri giorni.

Questo codice verrà seguito nella sua applicazione, attraverso un continuo monitoraggio, come del resto hanno sottolineato i rappresentanti di Confesercenti, Confcommercio e del Centro commerciale naturale mentre Andrea Bragagnolo del Comitato residenti lo ha definito "un punto di partenza e non di arrivo".

Agipress

Ultima modifica ilDomenica, 06 Luglio 2014 11:31
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici