Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menarini in Russia aumenta la produzione del 170%

Menarini in Russia aumenta la produzione del 170% Menarini in Russia aumenta la produzione del 170%

Nel distretto industriale di Kaluga, a 150 km da Mosca.

AGIPRESS - Un aumento di produzione del 170% in un anno. E' la cifra del sito produttivo della farmaceutica Menarini in Russia, inaugurato nel 2014 nel distretto industriale di Kaluga, a 150 km da Mosca, che ora punta ad arrivare al massimo della produttività potenziale. La Menarini è stata tra le prime farmaceutiche internazionali a insediarsi in quest'area, investendo 44 milioni di euro per realizzare un suo stabilimento su territorio russo. Attilio Sebastio, direttore finanziario di Berlin Chemie - Menarini, filiale tedesca della multinazionale italiana, spiega i fattori determinanti per la scelta di Kaluga: un sistema di infrastrutture ben sviluppato, personale qualificato e competenza delle autorità locali nel facilitare l'avvio di attività straniere affiancandole nella risoluzione di aspetti organizzativi e burocratici; oltre alla presenza di un centro universitario, l'esperienza positiva di altri investitori stranieri e la vicinanza con Mosca. L'inizio della costruzione dello stabilimento partì nel 2011 a seguito del contratto che venne firmato nel 2010 alla presenza dell'allora sindaco di Firenze Matteo Renzi e Alberto Sergio Aleotti, l'imprenditore che ha avviato l'internazionalizzazione di Menarini e padre di Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, proprietari del Gruppo. Il confezionamento dei medicinali è iniziato nel 2013 per arrivare al 2017 con il primo prodotto realizzato interamente". "Sono nove i tipi di compresse prodotti oggi nello stabilimento di Kaluga - ha spiegato Sebastio - con una capacità produttiva potenziale di 350 tonnellate di compresse annue. E' così che nel 2019 dunque la produzione stimata è di 272 tonnellate, con un aumento del 170% rispetto al 2018, quando erano 100 tonnellate". Si producono oggi 64 milioni annui di blister a fronte di una capacità massima 120 milioni, 28 milioni annui di confezioni fronte di una capacità massima di 50 milioni".

Agipress

Ultima modifica ilLunedì, 09 Settembre 2019 18:45
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici