Menu
Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

LA GUERRA - Circa 1 milione i bambini rifugiati in fuga dall'Ucraina, Save The Children: "Molti di loro a rischio perché soli alle frontiere"

LA GUERRA - Circa 1 milione i bambini rifugiati in fuga dall'Ucraina, Save The Children: "Molti di loro a rischio perché soli alle frontiere" LA GUERRA - Circa 1 milione i bambini rifugiati in fuga dall'Ucraina, Save The Children: "Molti di loro a rischio perché soli alle frontiere"

Urgente mettere in atto misure per cercare di far rimanere i bambini con i genitori o i caregiver e di fornire supporto psicosociale.

AGIPRESS - ROMA - Nelle ultime settimane si stima che siano tra gli 800mila e 1 milione i bambini riusciti a fuggire dall'Ucraina a causa dell’escalation di violenza scoppiato nel paese. Ad oggi sono 2 milioni le persone riuscite a scappare dal paese. Un numero che non ha precedenti nella storia delle crisi umanitarie. Un numero sempre più alto di bambini, arriva alla frontiera da solo, senza il sostegno della famiglia e questi numeri stanno causando una vera e propria emergenza per la loro protezione. È il grave allarme lanciato da Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare i più piccoli garantendo loro un futuro. Gli operatori impegnati al confine riportano dell’arrivo di alcuni bambini soli mandati verso altri paesi da familiari costretti a rimanere in Ucraina e con la speranza di metterli al sicuro da attacchi e bombardamenti. Altri hanno perso le loro famiglie nella concitazione della fuga dalle loro case e molti in arrivo alle frontiere hanno meno di 14 anni e manifestano segni di disagio psicologico.

Insieme ad altre organizzazioni, Save the Children sta lavorando per stabilire procedure per rintracciare i parenti dei bambini arrivati soli e facilitare il ricongiungimento familiare o per mettere in bambini in contatto con la famiglia allargata e i conoscenti in Polonia o nei paesi limitrofi. Inoltre, l’Organizzazione è attiva per stabilire sistemi di protezione e meccanismi di segnalazione per i minori. “I genitori stanno ricorrendo alle misure più disperate e dolorose per proteggere i propri figli, incluso l’allontanarli da sé e mandarli via con vicini e amici, per cercare sicurezza fuori dall'Ucraina, mentre loro rimangono in patria per proteggere le loro case” ha dichiarato Irina Saghoyan, direttrice di Save the Children per l'Europa orientale. “Per i bambini, la separazione dai propri cari può tradursi in un profondo stress psicologico dovuto all'insicurezza, alla paura per le sorti dei membri della propria famiglia e all’ansia da separazione. Aumentano anche i rischi di violenza, sfruttamento, tratta e abusi. Molti di loro viaggiano con i loro fratelli maggiori o con famiglie allargate, vicini o altri adulti di riferimento. Hanno bisogno di protezione e supporto e sono ancora incredibilmente vulnerabili” ha proseguito Irina Saghoyan. “Devono essere compiuti tutti gli sforzi per prevenire la separazione dei bambini dai loro caregiver e per garantire il tracciamento immediato della famiglia e il ricongiungimento laddove si verifichi la separazione. Sappiamo che più velocemente agiamo, più è probabile riuscire a riunire con successo i bambini ai loro caregiver. Continueremo a rispondere dove c'è più bisogno e dove i bambini necessita si urgente protezione” ha concluso Irina Saghoyan.

L’Organizzazione chiede alle autorità di frontiera e alle organizzazioni umanitarie di mettere in atto misure per cercare di far rimanere i bambini con i loro caregiver di riferimento, di fornire supporto psicosociale incentrato sui bambini e attuare programmi per prevenire la separazione dalla famiglie. Questi servizi devono includere spazi e informazioni a misura di bambino, ricerca e ricongiungimento familiare e supporto alla salute materno-infantile. Il personale e i volontari stanno distribuendo cibo, acqua e prodotti igienici ai rifugiati che arrivano al confine tra Romania e Ucraina e nei centri di accoglienza. In Polonia e Romania, stanno fornendo servizi di protezione dell'infanzia, come il supporto mirato per i minori non accompagnati e separati, il supporto psicosociale e l'accesso ai servizi legali. Anche in Italia l’Organizzazione è attiva al valico Fernetti in collaborazione con Unicef per distribuire bene di prima necessità, informazioni e dispositivi sanitari ai bambini profughi in arrivo nel nostro Paese. AGIPRESS

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici