Menu
Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

L'ex astronauta Paolo Nespoli ospite d'onore alla festa di El.En.

L'ex astronauta Paolo Nespoli ospite d'onore alla festa di El.En.

AGIPRESS - FIRENZE - Si è celebrata l’11 luglio la tradizionale festa d’estate di El.En., nella splendida location della Net Records Arena a Firenze. Un evento che consacra, tra le altre cose, i 38 anni di vita della società, leader mondiale nel settore dei laser, nata nel 1981, e che ha la propria sede principale a Calenzano.

Graditissimo ospite della serata è stato l’Ingegnere Paolo Nespoli, l’italiano con la più lunga permanenza nello spazio (quasi un anno, con le missioni Space Shuttle Discovery, e Sojuz negli anni 2007, 2010-11 e 2017). La presenza di Nespoli non è stata casuale, visto che la festa organizzata da El.En. ha rappresentato un simbolico omaggio ai 50 anni dall’atterraggio del primo uomo sulla luna. Ma i legami con Nespoli non finiscono qui, perché l’azienda fiorentina, in passato, ha lavorato a stretto contatto con “Astro Paolo” nella preparazione di missioni spaziali con ASI, ESA e NASA. Furono gli ingegneri Cirri, Clementi (ora presidente di El.En. SpA) e Severi, a sviluppare un alimentatore speciale per lo Space Shuttle, per la famosa missione EGA (Elettron Gun Assembly).

“38 anni, un traguardo importante che ci rende particolarmente orgogliosi del lavoro svolto e soprattutto dei risultati prodotti. 38 anni di innovazioni straordinarie. Una cavalcata nella scienza. La nostra tecnologia ed i nostri laser ci hanno portato a tagliare traguardi prestigiosissimi nel settore industriale, in quello medicale, del restauro delle opere d’arte ma anche in quello spaziale. E’ un onore per noi poter festeggiare con uno dei più importanti astronauti italiani di tutti i tempi, il Maggiore Paolo Nespoli, con il quale la nostra società ha collaborato per diversi anni” ha dichiarato orgoglioso il direttore generale di El.En., Ing. Paolo Salvadeo. “E’ bellissimo avere con noi Paolo Nespoli, perché El.En. condivide con lui molti valori. Tra questi la curiosità intellettuale ed il coraggio di esplorare cose sempre nuove, il sacrificio - ossia il duro lavoro e lo stare lontano da casa e dai propri cari per tanto tempo - senza dimenticarci la passione per la scienza ed il progresso dell’uomo”.

Tra le varie attività nel settore aerospazio del gruppo El.En., questa volta in sinergia con la controllata Quanta System, si ricordano anche quelle di un laser a bordo di un ex aereo dell’Unione Sovietica, un Myasischchev M-17 Stratosfera, che ha compiuto numerosissime missioni sopra l’Antartide, per il monitoraggio del buco dell’ozono, responsabile del cosiddetto effetto serra. Incrociando i dati dalla stratosfera con quelli terrestri, sempre rilevati attraverso l’ausilio di laser del Gruppo El.En., si è avuta la possibilità di effettuare una precisa stratigrafia dell’ozono. “Da quel momento in poi furono messi al bando, in tutto il mondo, i gas contenenti cloro-fluoro carburi. Considerando i temi ancora attuali dei cambiamenti climatici, e parafrasando la famosa frase di Neil Armstrong, al suo atterraggio sul suolo lunare, anche questo è stato un grande passo per l’umanità” ha concluso Salvadeo. 

AGIPRESS

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici