Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

KOBE BRYANT TORNA NEI LUOGHI DELL’INFANZIA - VISITA LAMPO A PISTOIA E DINTORNI

Kobe Bryant stamani si fa fotografare davanti all'insegna di Cireglio Kobe Bryant stamani si fa fotografare davanti all'insegna di Cireglio

*ESCLUSIVA* - L’icona del basket mondiale visse due anni e mezzo a Cireglio, quando il padre giocava nella squadra locale di pallacanestro. L’abbraccio commosso del paese

AGIPRESS – CIREGLIO (PISTOIA) Kobe Bryant, icona del basket americano e mondiale, ha visitato questa mattina poco dopo le 7, Cireglio, piccolo paese vicino a Pistoia, dove visse due anni e mezzo, negli anni ’80, a seguito del padre, Joe Bryant, uno dei giocatori di punta dell’allora Maltinti Pistoia. E’ apparso all’improvviso, a bordo di un pulmino Mercedes grigio, vetri oscurati e autista, senza che nessuno lo spettasse. Il pluricampione dei Los Angeles Lakers è prima arrivato fino a Cireglio, poi ha fatto una breve visita nel centro di Pistoia, quindi è rientrato a Firenze dove ha raggiunto la moglie e le due figlie (domani ripartirà per raggiungere Capri).
Bryant, per anni il miglior giocatore di basket al mondo e tutt’ora uno dei massimi talenti, ha visto quella che fu la sua abitazione, si è fermato nei due bar, ha salutato vecchi conoscenti. Senza i clamori dei grandi centri, la piccola folla che si è radunata intorno a lui si è limitata a chiedere qualche foto e qualche notizia sulla sua vita più che sulle imprese sportive. Qualcuno lo ha abbracciato, qualcuno si è pure commosso ricordando quel ragazzino diventato campione planetario. E quando è stato accompagnato nell’ormai malandato campo di calco, Bryant c’è rimasto male. “Bisogna fare qualcosa, bisogna rimetterlo in sesto questo impianto”, ha detto e qualcuno ha pensato si trattasse di un piccolo impegno futuro. Ha chiarito che non chiuderà la sua carriera in Italia, il sogno di molti, ma giocherà ancora due o tre anni in NBA. Si è rallegrato per la conquista della serie A del Pistoia basket e poi ha pensato ai suoi prossimi impegni: “Il brutto infortunio al tallone d’Achille è superato – ha concluso Bryant con il pensiero di nuovo agli impegni di oggi -. Sto bene, sono pronto a tornare sul parquet”.


Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 25 Luglio 2013 19:40
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici